I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata e la Carta Archeologica: siti sparsi in un territorio sorprendente. Borghetto, ville e tombe sulla Via Anagnina, Pratone

GROTTAFERRATA (attualità) – Per la 42a puntata, un percorso senza un preciso itinerario, a unire simbolicamente più punti da nord a sud del territorio

ilmamilio.it

Resti sparsi, segno di una testimonianza di età romana che caratterizza il territorio di Grottaferrata in aree differenti. Li andiamo ad indagare, ovviamente in una parte minima (ma simbolica), in questa 42a puntata del viaggio all’interno della Carta Archeologica toccando il territorio da Borghetto fino a Pratone. Per far intendere quanto sia esteso, all’interno del territorio criptense, il radicamento dei siti archeologici che stiamo trattando da alcuni mesi.

BORGHETTO - La presenza di una tomba a sud est di Castel Savelli è nota da più studiosi che la videro tra la fine dell’800 e gli inizi del ‘900. Essa si trovava al margine settentrionale della Via Latina. R. Lanciani ne identificò il suo preciso posizionamento . Un riferimento certo, per la sua esatta collocazione, consiste nella sensibile scansione della via Latina dopo il lungo rettifilo ad ovest. Non è stato possibile, ai tempi della realizzazione della Carta Archeologica, per effettuare un sopralluogo, onde accertare le condizioni attuali della tomba, dal momento che non esistono elementi topografici certi. Pertanto la posizione della tomba nella carta archeologica deve ritenersi approssimativa.

VIA ANAGNINA – Strutture vicine ad una villa romana, separate da essa in seguito alla costruzione della rete tranviaria agli inizi del ‘900, sono visibili nello spazio tra le vie s. Andrea e Anagnina discendente. Nei pressi di una piscina moderna, fino agli novanta del novecento, si poteva vedere in parete il nucleo cementizio probabilmente pertinente all’apparato sostruttivo meridionale della villa, separato da essa dalla via S. Andrea che forse, prima di raggiungere la via Anagnina discendente, scorre sui crolli delle sostruzioni meridionali. Dell’apparato sostruttivo esiste anche una planimetria eseguita dalla Soprintendenza archeologica per il Lazio. Di altra natura le evidenze nei Parco delle Suore Francescane Missionarie di Maria A nord del convento delle monache. Nello spazio compreso tra il vialetto che conduce al cimitero e la via Anagnina ascendente, si concentrava, ai tempi dei sopralluoghi dell’archeologo Franco Arietti, un notevole accumulo di reperti archeologici, in larga misura rappresentati da numerosi materiali da costruzione, ugualmente frammentari, rappresentati da parti architettoniche in marmo, intonaci, stucchi ed altro materiale. Con ogni probabilità questo potente strato proveniva dalle vicinanze ed era stato portato alla luce durante i lavori di scasso di un vigneto e accumulato nell’area del parco antistante alla via Anagnina per colmare la depressione del terreno esistente in quel punto.

Infine, la presenza di alcuni resti antichi a meridione di Via Castel de Paolis viene segnalata da T. Ashby (1910) che li rappresenta sulla sua carta archeologica. Al contrario, il Lanciani non rappresenta nulla. Un sopralluogo condotto limitatamente all’esterno della proprietà (recintata ed inaccessibile) da Franco Arietti non ha chiarito il dilemma.

PRATONE – Un tracciato stradale antico, il cui percorso coincide sostanzialmente con la moderna via Rocca di Papa (località Pratone) viene ipotizzato da L. Quilici e S. Quilici Gigli (carta archeologica, 1984). Nella Carta Archeologica, pur ipotizzando questa proposta, si ipotizza un diverso andamento nel tratto a settentrione, dove la strada dovrebbe confluire in un altro tracciato stradale sicuramente più importante che si raccorda, poco oltre, alla via Latina.

Le altre puntate:

1 -  Grottaferrata, alla scoperta della Carta Archeologica. Via delle Vascarelle e l'area limitrofa: l’acquedotto Julia e una necropoli

2 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: la straordinaria scoperta dell’"Ipogeo delle Ghirlande" nel 2000

3 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: Via Quattrucci e ‘Colle delle Streghe’. I mausolei, le antiche strade

4 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: da Valle Marciana a Campovecchio tra tombe, tracciati e cisterne

5 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: le pendici del Tuscolo tra mausolei, strade e conserve d’acqua 

6 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: da Villa Senni al Tuscolo con la Via Latina. La distruzione dei contemporanei

7 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: l’antichissima via Cavona (Via Valeria)

8 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: i mausolei presso catacombe ‘Ad Decimum’. Le sepolture meno conosciute

9 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: la Villa di Rufino Vinicio Opimiano

10 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: una grande villa tra Via Anagnina e Via Sant’Andrea

11 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: 'Quarto Montioni', tra ville romane reali e presunte

12 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: Valle Marciana e La Torretta. Ville, strade e sentieri antichi

13 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: Villa Senni e Via Sant’Andrea, le antiche strade di collegamento

14 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: l’importante patrimonio di Borghetto. Mausolei, ville romane, tracciati

15 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: dal ‘Litta’ fino alla Cipiriana e Valle Marciana. Antiche piscine, vie ed edifici nascosti

16 -Grottaferrata e la Carta Archeologica: la grande villa romana verso 'Capo d'Arco'. Le evidenze di Bagnara, il ‘tempietto’ a Valle Marciana

17 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: la villa romana alle suore francescane. Il mausoleo e le sepolture perdute all’ex Casale Santangeli

18 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: tra l'Abbazia, Via del Grottino e Viale Kennedy alla ricerca di evidenze sconosciute

19 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: dalle opere antiche di Viale Kennedy fino ai tracciati delle ville Muti – Grazioli - Cavalletti

20 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: la grande villa romana tra Viale Dusmet, Via della Cipriana e Villa Grazioli

21 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: Villa Muti, Villa Grazioli e i resti di età imperiale

22 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: l’area di Via del Fico, un sito rilevante (e urbanizzato). Le ville, i sepolcreti

23 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: la zona di Villa Cavalletti e il colle citato da Plinio. La necropoli, i reperti

24 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: strade e tombe verso S.Anna. Le ville romane della zona

25 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: le grandi ville di Campovecchio e ‘Formagrotta’

26 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: da Castel de Paolis a Villa Gioacchini. Ville, strade, grandi cisterne

27- Grottaferrata e la Carta Archeologica, evidenze sparse: Il Fico, Castel de Paolis, Quattrucci, Casalaccio, S. Antonio. La tomba di Boschetto

28 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: le tombe di Vigna Schiboni e Via della Pedica, i ruderi in Via Vicinale Aldobrandini, le sorgenti tuscolane

29 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: l’edificio romano di Valle della Noce e la grande villa di Colle delle Ginestre (di Cicerone?)

30 -Grottaferrata e la Carta Archeologica: da Colle delle Ginestre alla Pedica fino a Tuscolo. Cisterne, ville, un'antica 'stazione di posta'

31 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: le vie per Tuscolo, le quattro strade, le distruzioni, i percorsi della Via Latina

32 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: le ville romane dell’area di Via dei Peschi e Macchia Borghese

33 -  Grottaferrata e la Carta Archeologica: da Squarciarelli al Roseto e oltre. Il ponte romano di Via di Rocca di Papa

34 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: da Roseto fino a Madonna della Molara e Via San Nicola

35 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: il ponte di Castel Molara, il sepolcreto di Villa Reali, la villa distrutta dall’edilizia alla Pedica

36 -  Grottaferrata e la Carta Archeologica: S. Giuseppe, Viale XXIV maggio, Villa Rasponi e Tuscolo. Tra mausolei, sepolcri e cisterne

37 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: le ville di Viale Vittorio Veneto e quelle ai confini con Marino

38 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: da Squarciarelli a Campovecchio. Le notizie sull’acquedotto Giulia

39 - Grottaferrata e la Carta Archeologica, rilievi sparsi: Via Anagnina, Cimitero, Cipriana, Villa Cavallini

40 - Grottaferrata e la Carta Archeologica: Villa Senni, presso Ad Decimum. Gli studi sulle grandi strutture antiche

41- Grottaferrata e la Carta Archeologica: ancora tra Villa Senni e Ad Decimum. Curiosità e scoperte

Info:

Grottaferrata, quando si fa finta che la Carta Archeologica non esista...

Grottaferrata, la Carta Archeologica: uno strumento fondamentale (e poco considerato) per il futuro del territorio

Grottaferrata, in Via di Rocca di Papa c’è un ponte romano dimenticato. Storia di una 'rimozione' - FOTO