I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Per info e segnalazioni contattaci via mail a redazione@ilmamilio.it oppure su whatsapp al 3319188520

---

COMUNI

Frutta secca, uno scudo contro il ritmo irregolare del cuore

frutta seccaFRASCATI (benessere) - Noci, nocciole e mandorle possono essere preziosi alleati

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

selasai 10anni

Spesso, soprattutto negli ultimi anni, per ogni piccola patologia si ricorre ai farmaci. Sottovalutando gli effetti collaterali che a volte comportano. Per esempio, sopportare un leggero mal di testa di qualche ora durante il corso della giornata, diventa impossibile, ed allora subito con la “pasticchina magica”. Ma non funziona così.

Andando su altri sintomi o patologie ben più importanti di un leggero mal di testa da stanchezza, si scopre, che la frutta secca può essere uno 'scudo' contro un'alterazione del ritmo cardiaco, la fibrillazione atriale. Mangiare con regolarità noci, nocciole e mandorle può aiutare infatti a ridurre il rischio di sviluppare questa condizione.

sfaccendati24 4

 

 

 

 

 

 

 

 

Ad evidenziarlo uno studio del Karolinska Institutet e dell'Università di Uppsala, in Svezia, pubblicato pochi giorni fa online su Heart. Secondo i ricercatori un consumo regolare può anche ridurre il rischio di sviluppare insufficienza cardiaca, anche se i risultati sono meno consistenti. Per la ricerca sono state prese in esame le risposte a un questionario sulla frequenza alimentare e le informazioni sullo stile di vita di oltre 61.000 svedesi tra i 45 e gli 83 anni.

La loro salute cardiovascolare è stata monitorata per 17 anni (fino alla fine del 2014) o fino al loro decesso. Durante il monitoraggio, ci sono stati 4983 infarti, 3160 casi di insufficienza cardiaca e 7550 casi di fibrillazione atriale. Il consumo di frutta secca è risultato associato a un minor rischio di fibrillazione atriale. Una porzione una o tre volte al mese era associata a un rischio ridotto di appena il 3%, che saliva al 12% per il consumo una o due volte a settimana e al 18% per tre o più volte. Ogni porzione aggiuntiva settimanale è stata associata ad un abbassamento del 4% nel rischio. Gli studiosi spiegano che la frutta secca, in particolare le noci, sono fonti di acidi grassi insaturi, proteine, fibre, minerali (ad esempio magnesio, potassio e zinco), vitamina E, folati e altri composti bioattivi come fenoli e fitosteroli. Il consumo può influenzare la salute cardiovascolare migliorando i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue, riducendo il rischio di aumento di peso attraverso effetti antiossidanti e anti-infiammatori. Ciò può far si che giochi un ruolo importante nel ridurre il rischio di fibrillazione atriale ed, eventualmente, di insufficienza cardiaca. Per quanto riguarda la frutta secca ricordiamo che il consumo di uvetta può contrastare lo sviluppo di batteri in grado di causare gengivite ed infiammazione. Le persone affetta da gengivite sarebbero più esposte di altre a problemi cardiaci. Gli esperti hanno individuato l'infiammazione come punto in comune tra gengivite e problemi cardiaci. L'uvetta potrebbe contribuire a ridurla. Mandorle, noci, nocciole, pistacchi e pinoli sono alcuni rappresentanti della frutta secca considerata benefica per il cuore per via dell'elevato contenuto di grassi monoinsaturi e polinsaturi e della bassa presenza di grassi saturi. Secondo gli esperti, consumare frutta secca da due a quattro volte alla settimana può contribuire a diminuire l'incidenza delle patologie cardiache nella popolazione.

petra febb2018

L’insegnante Marco Staffiero (nome spirituale Ardas Sadhana Singh) è insegnante certificato di Kundalini Yoga, il suo diploma è riconosciuto a livello internazionale dal KRI (Kundalini Research Institute) e dall’IKYTA (International Kundalini Yoga Teacher Associations) e a livello nazionale  dalla UISP – Area Discipline Orientali. Ha seguito il corso di formazione insegnanti con Guru Shabad De Santis, il primo insegnante di Kundalini Yoga in Italia, presso il centro Yogi Bhajan Akhara, a Roma. Attualmente insegna a Frascati, Grottaferrata, Ariccia, Pomezia e Roma. Nel corso degli ultimi anni ha rivolto grande attenzione verso le discipline olistiche e le medicine alternative, la sana alimentazione e il benessere psico-fisico. Ha una laurea in Scienze Politiche - Relazioni Internazionali e dal 2009 è iscritto all’ordine dei giornalisti del Lazio. Approfondisce come giornalista e studioso diverse tematiche, che riguardano anche i fenomeni dello stress e dell’ansia nel nostro tempo. Collabora attualmente on line con “Il Giornale dello Yoga“.

Info e contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.     Tel. 3398054726    www.yogacastelliromani.it

Ciampino: altro incendio alla Barbuta, notte d'inferno al campo nomadi

incendio barbuta5CIAMPINO (cronaca) - Vigili del fuoco al lavoro per ore

ilmamilio.it

selasai 10anni

Un vasto incendio questa notte ha interessato il campo rom della Barbuta di Ciampino. A fuoco tonnellate di rifiuti lungo le stradine interne alla struttura.

I vigili del fuoco di Marino e Nemi hanno lavorato per tutta la notte fino al primo mattino per avere ragione delle fiamme. Sul posto anche una pala meccanica dei pompieri per smassare le montagne di rifiuti ammassate incenerite e fumanti.

sfaccendati24 4

 

 

 

 

 

 

 

 

petra febb2018