I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

COMUNI

Grottaferrata, asilo nido: col nuovo appalto sforbiciata alle ore mensili per i lavoratori?

GROTTAFERRATA (attualità) – La sforbiciata di 50mila euro del bando comunale sui costi fa rivedere i piani

ilmamilio.it

Dopo l’assegnazione del nuovo appalto per la gestione dell’asilo nido comunale, si intravedono all’orizzonte i timori espressi negli scorsi mesi da sindacati e forze politiche.

Il nuovo bando indetto dal Comune di Grottaferrata ha confermato un taglio dei costi di circa 50mila euro. Nei giorni scorsi sarebbe stato già annunciato una prossima sforbiciata di 10 ore in meno al mese per ogni dipendente, con una inevitabile decurtazione degli stipendi. Nessun taglio è stato fatto invece sul personale, ma sembrerebbe che un elemento sia stata già trasferito da Grottaferrata. Regolari manutenzione e servizi fondamentali della struttura.

La decisione di un taglio del 10% su questo tipo di appalto non ha precedenti, come sottolineato più volte dalle forze politiche che all’epoca della pubblicazione del bando pubblico. I sindacati si stanno interessando alla vicenda. Cgil Cisl e Usb potrebbero aprire, ognuna nelle sua autonomia, una nuova fase di interlocuzione e agitazione se effettivamente il taglio delle ore avrà luogo.

Leggi anche: Grottaferrata, sciopero di educatrici e ausiliare asilo “L’isola che c’è”: “Siamo stanche”

Leggi anche: Consorzio Parsifal: "Grottaferrata - nido, una protesta strumentale"

Leggi anche: Grottaferrata- Asilo nido comunale, sindacati scrivono al Comune: “Mantenere clausola sociale dei lavoratori”

Leggi anche: Grottaferrata, sull’asilo nido comunale sindacati e minoranza in attesa di novità

mercatino grottaferrata ilmamilio

 


Capannelle, Ambrogiani (PD): "Su Ippodromo Frongia decide di non decidere"

CAPANNELLE (attualità) - La presa di posizione dell'esponente politico

ilmamilio.it

“Non ci sono più parole per definire l’atteggiamento arrogante e presuntuoso dell’assessore Frongia, il cui agire continua a gettare ombre sul futuro dell’ippodromo Capannelle, le cui attività – vale la pena ricordarlo – sono ancora al palo. Oggi le nuove dichiarazioni del grillino hanno il sapore di scaricabarile sulla Hippogroup, quasi a voler mettere zizzania tra la società e i suoi lavoratori.

Un comportamento inaccettabile, che si aggiunge all’impietoso navigare a vista del Comune di Roma che, evidentemente incapace di prendere decisioni, propone un palliativo: 66mila euro di canone fino alla sentenza del Tribunale civile. Senza dare, quindi, alcuna certezza alla Hippogroup, agli operatori del settore e, più in generale, all’ippodromo. Frongia che, come se non bastasse, nulla dice a proposito del bando di gestione della struttura, che rappresenta l’unica vera soluzione di stabilità e certezza per Capannelle. Esprimiamo dunque piena vicinanza alla Hippogroup e ai lavoratori di fronte alla decisione del Comune di Roma di non decidere”.

Così, in una nota, il segretario Pd Marino, Sergio Ambrogiani.

umbriaesemble