ARICCIA (attualità) - Presentata l’Unità Trattamento Neurovascolare (UTN) dell’ospedale dei Castelli (ODC) 
 
ilmamilio.it
 
Un reparto di terapia subintensiva dotata di 5 posti letto, strumentazione tecnologica e diagnostica di alto profilo e ad alta intensità di cura destinata ad accogliere pazienti affetti da lesioni cerebrovascolari acute, di natura ischemica o emorragica.
 
Il nuovo servizio si inserisce nella rete dell’Emergenza tempo-dipendente della Regione Lazio come unità di I livello che ha come riferimento la UTN di II livello del Policlinico Tor Vergata.
 
 
A sua volta l’Ospedale dei Castelli rappresenta la struttura di riferimento per l’ictus acuto per l’ospedale di Velletri.
Presenti il Commissario Straordinario Asl Roma 6 dott. Francesco Marchitelli, il Direttore Sanitario Asl Roma 6 dott. Vincenzo Carlo La Regina, il Direttore Medico di Presidio (Odc) dott. Daniele Gentile, il Dr Fabrizio Sallustio Direttore UOSD Unità Trattamento Neurovascolare (UTN), Responsabile Unità Ictus-Ospedale dei Castelli, il Dr Carlo Capotondi direttore UOC Radiologia Diagnostica ed Interventistica, la Dr.ssa Carla Giancotti direttore UOC Anestesia e Rianimazione oltre ai sindaci di diversi Comuni, istituzioni, autorità militari, civili e religiose. La presentazione ha visto anche la partecipazione di diversi sindaci del territorio e del sindaco di Lanuvio e deputato della Repubblica Andrea Volpi.
 
 
“Il nuovo reparto UTN - dichiarano il Commissario Straordinario Marchitelli insieme al Direttore Sanitario La Regina - rappresenta un servizio fondamentale dove ogni giorno si compiono gesti straordinari per salvare vite. La sua apertura è un tributo all'impegno verso il miglioramento della salute pubblica e alla dedizione del personale medico, che con professionalità, impegno e cuore si adopera per offrire cure di altissimo livello. Innovazione e dedizione alla cura delle persone sono tra i pilastri cardine che ci permettono di continuare a fare importanti passi insieme per la comunità”.
 
A inizio 2024, all’UTN e a tutto l’Ospedale dei Castelli è andato il premio di centro ictus “Diamond” conferito dal gruppo ISA (Italian Stroke Association)-Angels (società deputata all’implementazione dei percorsi diagnostico-terapeutici dell’ictus in Europa).
L’UTN rappresenta un reparto in cui operano, in un modello di multidisciplinarietà, diversi professionisti tra cui neurologi vascolari ossia con esperienza nella diagnosi e cura delle patologie cerebrovascolari, infermieri dedicati, fisioterapisti, logopedisti, dietisti.
 
 
“Uno degli obiettivi principali dell’UTN - dichiara il Dr Fabrizio Sallustio, Direttore UOSD Unità Trattamento Neurovascolare (UTN), Responsabile Unità Ictus-Ospedale dei Castelli - è ridurre i tempi di intervento in caso di emergenza neurovascolare. Grazie alla presenza di personale esperto e all'infrastruttura specializzata, i pazienti possono ricevere trattamenti cruciali in modo tempestivo senza doversi spostare a Roma con il rischio di gravi conseguenze e complicazioni a lungo termine. Inoltre, l'approccio multidisciplinare del reparto consente di valutare ogni caso in modo completo, individuando le migliori strategie terapeutiche per ciascun paziente”.
 
Tanto più lunga è l’occlusione arteriosa tanto più esteso è il danno cerebrale che ne deriva. Dal 2023 infatti, a seguito dell’evidenza di tempi di trasferimento ben oltre le 2 ore per i pazienti che, candidati alla trombectomia meccanica, venivano trasferiti a Tor Vergata per effettuare la procedura endovascolare, di comune accordo con la Radiologia Interventistica, coordinata dal Dr Carlo Capotondi e dal responsabile della team di radiologi interventisti dr Daniel Konda e il reparto di Terapia Intensiva, coordinata dalla dr.ssa Carla Giancotti e dal responsabile del reparto dr.ssa Simona Straffi, si è deciso di trattare questi pazienti direttamente presso l’Ospedale dei Castelli. Ad oggi tale scelta è stata premiata dai risultati in termini di esito clinico che attestano una percentuale di pazienti a medio-termine con indipendenza funzionale e autonomi (56%), nessuna disabilità (43.5%), disabilità moderata ma in grado di spostarsi autonomamente (18%), (disabilità grave 10%) (mortalità 12%).
 
Presenti il sindaco di Ariccia, Gianluca Staccoli, il sindaco e onorevole al Parlamento Andrea Volpi, il sindaco di Lariano Francesco Montecuollo, l'ex sindaco di Lanuvio, Luigi Galieti, attuale consigliere comunale delegato alla sanità.

colline fitness 5 ilmamilio

 
 

ROCCA DI PAPA - Con la vittoria per 2 a 1 contro il Montedoro in trasferta i Canarini Rocca di Papa balzano in vetta al girone G di Prima Categoria. La contemporanea sconfitta in casa del Castelverde contro il Monte Porzio ha favorito il 'ribaltone' e Domenica 21 Aprile c’è già attesa in città per il big match proprio contro il Castelverde. La classifica in cima è comunque corta e per la Gialla sarà un’altra gara fondamentale.

Si giocherà in un campo comunale pieno in ogni ordine di posti e anche oltre. 

e.

Antonio Gentili, presidente dei Canarini, richiama gli sportivi locali all’appello: “La vittoria di ieri ci ha permesso di diventare padroni del nostro destino. Domenica, inutile dirlo, sarà un incontro determinante. So che lo stadio comunale sarà strapieno e che la nostra tifoseria si sta organizzando per l’accoglienza alla squadra. Ieri è stato un incontro tosto, ma sono nello stesso modo contento della sua gestione. E’ stato un fine settimana importante anche a livello giovanile con la vittoria nel derby U15 contro il Rocca Priora e per altre categorie di giovani. Chiedo a tutti di proseguire il grande sostegno alla Gialla per la gara del 21 Aprile, dove ci aspettiamo un’adunata storica, e per quella altrettanto importante di Monte Porzio. Colgo l’occasione per fare un grande applauso ai cittadini e ai ragazzi di RDP Firm che ieri pomeriggio sono venuti a Roma con oltre 150 persone per spingere i ragazzi. Faccio un mio personale saluto agli amici dei Portoghesi di Vicovaro”.

Luca Giovannini, Ceo della GHD gvn Hotel Division, partnership della squadra da due anni, sottolinea: “La crescita di questa società, per la quale stiamo lavorando con il suo staff tecnico e dirigenziale, è stata esplosiva e sorprendente. Ieri, come in tutte le altre domeniche di questo esaltante campionato, si è dimostrato nuovamente il legame profondissimo con la comunità di Rocca di Papa. All’interno di questa crescita non dimentichiamo poi l’aspetto legato ai prossimi mesi e alle prospettive che saranno determinate dal rifacimento del campo e dei progetti ad esso legato che prenderanno al via da maggio e che vedranno protagonisti i Canarini di un ulteriore rilancio dell’intero impianto”.

Anche il sindaco Massimiliano Calcagni ha inviato il suo personale abbraccio alla squadra in vista dei prossimi impegni: “Avanti così, forti degli attuali 66 punti ed il primo posto in classifica siamo pronti per la volata finale e per la vittoria del campionato 2023/2024. Vi chiediamo un ultimo sforzo e poi sarà festa grande in tutta la città-ha scritto a proposito del risultato di ieri - Rocca di Papa merita di risorgere anche a livello sportivo, siamo sulla retta via. Avanti tutta e come sempre ci vediamo domenica prossima allo stadio comunale. Forza Canarini”.

La Gialla suona la carica. L’attesa per il 21 Aprile è già iniziata.

 

 

 

RispondiInoltra

Aggiungi reazione

ROMA (attualità) - Si tratta di un lavoro che prende in considerazione tanti elementi e fattori, dove si deve valutare il chilometraggio, gli operi necessari e i veicoli, è ovvio che non sia possibile avere un Preventivo trasloco unico

ilmamilio.it - contenuto esclusivo 

Stai facendo qualche ricerca per capire cos’è un trasloco, quanto costa e quali sono gli obblighi da rispettare? Purtroppo non si trovano risposte chiare! Qualcuno si lamenta di aver pagato troppo altri invece di aver avuto un prezzo onesto.

Non farti confondere da informazioni che non sono chiare e chiedi un Preventivo trasloco. Essendo un lavoro che prende in considerazione tanti elementi e fattori, dove si deve valutare il chilometraggio, gli operi necessari e i veicoli, è ovvio che non sia possibile avere un prezzo unico.

Una villa a due piani ha un prezzo diverso da una casa di appena 100 mq. Un appartamento al sesto piano ha un prezzo diverso da un appartamento al piano terra. La metratura di 50 mq contiene meno mobili di un’altra di 120 mq. Già in questo modo è facile capire come mai sia necessario far fare un preventivo dopo che la ditta o un responsabile ha eseguito un sopralluogo.

Occorre però fare attenzione a quali sono i servizi che si richiedono e i tempi necessari per il lavoro. Tra l’altro i consumatori possono avere necessità di fare questo lavoro in poche ore o in qualche giorno.

Dunque vediamo perché il preventivo è utile e quali sono poi le modifiche da eseguire in caso si hanno dei costi troppo alti. Ricordiamoci che poi i preventivi permettono di valutare i servizi messi a disposizione de più ditte in modo da poter scegliere quello più conveniente o quello che sembra più affidabile.

PREVENTIVO: QUANTO È AFFIDABILE?

Un preventivo non è una regola o documento scritto. Esso ci dice quali sono i servizi che verranno offerti per fare il lavoro, in questo caso si parla di trasloco, e quali sono i costi. Tuttavia se ci sono imprevisti è facile che il prezzo possa salire.

Per esempio dei lavori urbani che rallentano il trasporto, qui si potrebbe richiedere un costo aggiuntivo di 20 € per la benzina sprecata. Il cliente richiede di fare un’altra tratta o percorso stradale dove si paga il pedaggio. Quest’ultimo sarà quindi pagato dal cliente con l’aggiunta di un extra per il cambiamento.

Le ditte affidabili possono quindi affermare, già nel preventivo, che ci potrebbe essere la richiesta economica di un extra per degli imprevisti. Ovviamente se tali imprevisti sono creati dalla ditta stessa il cliente non deve assolutamente pagare nulla.

Nella maggior parte dei casi vediamo che essi sono molto affidabili.

Servizi e modifiche del preventivo traslochi

Il preventivo viene deciso dopo che c’è stato il sopralluogo. La ditta sa quindi quale sia il volume delle merci, la manodopera necessaria, il veicolo o i veicoli necessari per fare il lavoro e il chilometraggio per arrivare alla destinazione finale. Prima non è possibile fare un preventivo chiaro.

Il cliente, visionandolo, può decidere se aggiungere o eliminare qualche servizio. Per esempio può decidere di non comprare gli scatoloni e altro materiale da imballaggio dalla ditta preferendo soluzioni più economiche. Oppure l’inscatolamento e la pulizia preferisce farla da solo. Questi sono servizi che dunque debbono essere eliminati dal preventivo. Dunque è possibile modificarlo prima della data di trasloco finale.

ROMA (attualità) - La pericolosità di questo bruco sta diventando sempre più nota e ci sono ditte di disinfestazione che addirittura hanno deciso di offrire un servizio di Disinfestazione processionaria specifico

ilmamilio.it - contenuto esclusivo 

Gli insetti striscianti, come larve e bruchi, hanno un aspetto innocuo, ma possono essere letali. In questi anni sono aumentate le presenze e quantità delle processionarie. Si pensa che esse siano presenti principalmente nelle campagne e in periferia, cosa non vera! Le città sono piene di questi insettini, che sono dei bruchi, poiché non trovano animali predatori. Mentre in campagna c’è una forte riduzione della loro presenza a causa di predatori come uccelli e roditori.

La pericolosità di questo bruco sta diventando sempre più nota e ci sono ditte di disinfestazione che addirittura hanno deciso di offrire un servizio di Disinfestazione processionaria specifico. Utilissimo e da fare specialmente in primavera. Le temperature tiepide e il Sole primaverile creano le giuste condizioni per la larva di diventare appunto bruco. Esse escono dai nidi e quindi iniziano a ricercare cibo per formare la crisalide.

BRUCO LETALE

Quali sono le pericolosità che ci sono in un piccolo bruco dal corpo molle? Ebbene la processionaria non è innocua, anzi è pericolosissima.

Le larve di queste farfalle vengono deposte nei nidi e spesso sono gli uccelli che le tengono al caldo. Altre volte invece si usano nidi abbandonati oppure si creano dei nidi all’interno delle querce di alberi e pini. Qui trovano riparo dal freddo inverno e nemmeno la neve riesce a ucciderle.

In primavera, tra marzo e aprile, il cambio del clima, il calore, le fa schiudere e diventare dei bruchi che scendono e procedono verso terra in “processione”, una dietro l’altra. Da qui deriva il nome di “processionaria”.

I bruchi hanno il corpo interamente ricoperto di peli urticanti. Se toccanti o appena sfiorati si chiudono su loro stesse in modo da imprigionare l’elemento che gli da fastidio oppure diventare un batuffolo di peli. Quest’ultimi iniziano a muoversi infilandosi all’interno dello strato epidermico rilasciando una tossina che è molto urticante. I bambini rischiano di avere delle reazioni allergiche. La zona colpita si gonfia e si arrossa diventando dolorante per giorni e giorni. I fori provocati dalla processionaria fono passaggi facili per far entrare batteri e germi. Tali ferite, in circa il 79% dei casi, si infettano diventando delle vere piaghe. I bruci poi sono trasportatori di malattie al pari dei topi.

Per gli animali domestici sono letali, specialmente per cani e gatti. I primi spesso le annusano e vengono punti sul naso fino ad avere infezioni gravi che conducono ad una necrosi del tartufo, cioè naso. Molti sono i cani che muoiono per questo. I secondi, i gatti, li ingoiano morendo soffocati. Tale morte avviene anche nei cani che li mangiano.

Invasioni processionarie in città

Data la pericolosità della processionaria vogliamo sottolineare che nelle città sono aumentate le infestazioni. Le cause sono: aumento delle temperature invernali che non congelano nemmeno un uovo e mancanza di predatori o animali che le mangiano.

Situazione che ha portato ad avere problemi gravi tra marzo e aprile. La disinfestazione è l’unico modo per eliminarle definitivamente. In alcuni condomini con parchi o giardini adiacenti, c’è addirittura l’obbligo di disinfestazione da questo bruco. Occorre usare però un insetticida o pesticida biologico per non danneggiare il resto della microfauna non pericolosa.

Sottocategorie