I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Ciampino: quel filo che lega il "monnezza gate" alle dimissioni di Cappello e al diktat di "Progetto Comune". Ballico in ansia

CIAMPINO (politica) - Un momento molto delicato per l'Amministrazione della sindaca di "Fratelli d'Italia"

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Lino Banfi li avrebbe chiamati "volatili per diabetici": sta di fatto che per la sindaca Ballico non è davvero un bel momento. Per niente. A tenere sulle spine la prima cittadina ci sono due affaretti non da poco, collegati tra loro.

Il primo è il cosiddetto "monnezza gate" sul quale c'è una interrogazione delle opposizioni unite che chiede, per iscritto, alla Ballico una risposta sulla vicenda. Ovvero sul possibile uso indebito di un mezzo della società Ambiente per un intervento di ritiro rifiuti extra servizio pubblico. Una questione che sarebbe stato, a quanto si dice, un esponente della maggioranza a tirar fuori e dalla quale è scaturita indirettamente (ma non troppo), se vogliamo, l'ultima novità in ambito politico-amministrativo sulla scena di Ciampino: le dimissioni di un altro assessore, Folco Cappello che, persona perbene, potrebbe aver sentito puzza di bruciato e probabilmente ha preferito staccare la spina prima di trovarsi in una posizione scomoda. Dimissioni che però lo stesso Cappello, che per il momento si trincera dietro il "no-comment", deve ancora ufficialmente motivare.

LEGGI Ciampino, Notargiacomo (FdI): "Inaccettabile silenzio su dimissioni assessore Cappello"

gierreauto200513

Quale il filo che lega le 2 vicende?

La posizione del gruppetto dei "muziani", costituitosi pochissime settimane fa e già in grado - proprio in forza del numero cospicuo dei suoi componenti (ben 5, è il gruppo consiliare più numeroso) - di dettare le regole.

LEGGI Lo scacco (non matto) di Muzi e il "monnezza gate": finalmente a Ciampino se ne vedono non solo di nere ma anche di belle

Quelli di "Progetto Comune" avrebbero messo sul tavolo della propria fedeltà alla sindaca due richieste: il mantenimento dell'attuale assetto della Giunta (in particolare di un esponente) e un assessorato. Assessorato che a questo punto, ricollegandosi alle dimissioni di Cappello, potrebbe dunque essere proprio quello all'Ambiente.

Qui il cerchio si chiude e per la sindaca sono grattacapi seri. Una crisi politica bella e buona. E molto vera.