I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata, la Carta Archeologica entra nel dibattito politico. FareRete organizza un incontro

GROTTAFERRATA (attualità) - La riscoperta del documento redatto dall'archeologo Franco Arietti, tra i relatori 

ilmamilio.it

La Carta Archeologica di Grottaferrata entra (con ritardo) nel dibattito politico della città. Realizzata nel 1999 dall’archeologo Franco Arietti, e aggiornata nel 2007, non ha mai fatto parte, nonostante una delibera della Giunta Ghelfi nel 2007, delle valutazioni urbanistiche del territorio.

Oggi è l'attivo movimento cittadino ‘FareRete’, coordinato dall'ex Assessore Mirko Di Bernardo, a riportarla d’attualità con un convegno dal titolo “La Carta Archeologica come strumento di tutela e di orientamento urbanistico”.

L’appuntamento è per Venerdì 7 febbraio ore 18.00, presso il teatro G. Falcone in Via Garibaldi.

Interverranno l'archeologo Franco Arietti, Antonella Rotondi, archeologa Mibact, e Massimiliano Valenti, direttore scientifico dei musei civici di Albano Laziale.

Leggi anche: 

Grottaferrata, quando si fa finta che la Carta Archeologica non esista...

Grottaferrata, la Carta Archeologica: uno strumento fondamentale (e poco considerato) per il futuro del territorio