Informativa
 
Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, insieme ad alcuni partner selezionati, potremmo utilizzare dati di geolocalizzazione precisi e fare una scansione attiva delle caratteristiche del dispositivo ai fini dell’identificazione, al fine di archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo e trattare dati personali (es. dati di navigazione, indirizzi IP, dati di utilizzo o identificativi univoci) per le seguenti finalità: annunci e contenuti personalizzati, valutazione dell’annuncio e del contenuto, osservazioni del pubblico; sviluppare e perfezionare i prodotti.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento non proseguendo nel sito od acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

Rocca di Papa, la “musica atmosferica” di Floraleda Sacchi incanta Villa del Cardinale

 

ROCCA DI PAPA (attualità) - Anche nella cittadina castellana musica di qualità

ilmamilio.it

Musica sotto le stelle per I Concerti dell’Accademia degli Sfaccendati con l’arpista Floraleda Sacchi che è riuscita perfettamente ad unire, in una data particolare come il Solstizio d’Estate, la  Musica con le suggestioni del cielo e delle costellazioni. Il concerto, nella cornice mozzafiato di Villa del Cardinale a Rocca di Papa, è stata una vera e propria esperienza sonora intensa ed inusuale con accostamenti musicali inaspettati che hanno creato forti emozioni nella numerosissima platea. I brani di Erik Satie, Joe Hisaishi, Olafur Arnalds, Philip Glass, Ludovico Einaudi e della stessa Floraleda Sacchi hanno dato vita ad un programma “privo di forza di gravità” con melodie fortemente correlate agli eventi planetari, alle stagioni, in particolare all’estate, e ai paesaggi : un concerto incentrato sulla “musica atmosferica” – definita così dall’Artista - decisamente indicata per la serata che si è conclusa con l’osservazione astronomica a cura dell’astrofisica Maria Antonietta Guerrieri.

Un Concerto davvero entusiasmante per gli accostamenti musicali proposti dall’arpista in cui il suono naturale dello strumento si alternava al suo suono filtrato elettronicamente e le sonorità morbide dell’arpa si intrecciavano con le sonorità ora pesanti delle percussioni immaginarie del canto degli uccelli o dello scorrere dell’acqua che create ad effetto hanno creato intensi effetti suggestivi.   

sfaccendati falconieri 180630