I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

"Il Pd di Grottaferrata non abbocca alla pesca di consensi del sindaco"

GROTTAFERRATA (politica) - Una nota del locale circolo dem

ilmamilio.it

Dal Pd di Grottaferrata riceviamo e pubblichiamo.

"Non ci è dato sapere chi abbia fornito ai 5 stelle di Frascati la notizia di "abbracci" tra il Sindaco di Grottaferrata e il Partito Democratico, (LEGGI I 5 stelle: "Frascati e Grottaferrata, smascherato il finto civismo di Mastrosanti e Andreotti") o perchè su questo stesso giornale la collocazione del sindaco Andreotti venga definita “notoriamete vicina all'area Dem".

Che Luciano Andreotti sia stato iscritto al Pd è cosa nota e certa, che alle ultime elezioni comunali si sia presentato alla guida di una coalizione civica allargata "da destra e sinistra" e sia poi andato al ballottaggio in competizione col candidato del PD è cosa ancor più nota e certa.

banner sagra 2

Ne deriva che il Partito Democratico a Grottaferrata è stato ed è all'opposizione in questa Amministrazione comunale. Un'opposizione non pregiudiziale e non strillata (non sarebbe nelle nostre corde) che non si sottrae al dialogo, soprattutto sulle questioni che ci stanno più a cuore (tutela degli ultimi, tutela dell'ambiente, cultura, politiche giovanili, politiche dell'accoglienza, ecc.) e per noi più identitarie.

190830 lupa3 ilmamilio

Ma non si può invocare il dialogo con le minoranze solo perchè si sta affrontando un momento di reale difficoltà con la propria maggioranza. E che sia un momento di particolare debolezza, lo dimostra il documento proposto alla firma dei consiglieri di maggioranza che può risultare o pleonastico (la maggioranza sostiene la maggioranza) o pericoloso perchè limita la libertà di espressione dei consiglieri eletti. In ogni caso un documento inopportuno e non si capisce come coloro che lo hanno sottoscritto abbiano potuto accettare un simile atto di prepotenza e di imperio.

LEGGI Grottaferrata - Il folle documento di Re Andreotti, la grottesca riunione e l'accordo con le ex "dure e pure"

Quanto al confronto con le minoranze, il sindaco sa bene che, come è sempre stato, interlocutori per il Partito Democratico a Grottaferrata sono il Gruppo consiliare, la Segreteria del Circolo e il Direttivo locale, democraticamente eletti secondo le regole del nostro Partito e, secondo le stesse regole, in rapporto corretto e trasparente con le strutture sovraordinate (Provinciali, Regionali e Nazionali).

Altre interlocuzionii, se da personali hanno la pretesa di diventare politiche, creano solo confusione e intoppi e si collocano al di fuori delle regole democratiche del nostro partito. Se poi danno adito a qualcuno di definirle “carte da giocare anche nel caso i democratici locali dovessero iniziare una ferma critrica a tutto campo nei confronti della Giunta”, troveranno il Circolo locale pronto a reagire per difendere il proprio ruolo e la propria dignità.

Se invece la dichiarata apertura alle minoranze è solo uno modo per pescare consensi tra le opposizioni, qualcun altro ha già abboccato, ma non è il PD!".consorzio ro.ma