I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Albano Laziale, gli studenti del Foscolo e del Pertini a Cracovia per il Viaggio della Memoria

ALBANO LAZIALE (attualità) - Il viaggio porterà gli studenti in luoghi di grande significato, dove sono impresse in modo indelebile le testimonianze degli orrori dell’Olocausto.

ilmamilio.it - comunicato stampa


 
In questi giorni, 11 - 12 - 13 febbraio, circa 200 studenti del Liceo Classico “Ugo Foscolo” e dell’Istituto “Sandro Pertini” di Albano Laziale partono alla volta di Cracovia per partecipare al “Viaggio della Memoria”, annualmente organizzato dall’Amministrazione Comunale e dall’Associazione dei Famigliari delle Vittime dei bombardamenti di “Propaganda Fide”.

petra nov2017 1
 Clicca sull'immagine per scoprire Petra 2011

Pai


Il viaggio porterà gli studenti in luoghi di grande significato, dove sono impresse in modo indelebile le testimonianze degli orrori dell’Olocausto.
Si visiterà il Museo “Fabrica di Schindler”, il quartiere ebraico di “Kamizierz” e il campo di sterminio di “Auschwitz-Birkenau”. Prevista anche la visita alla Sinagoga “Tempel” dove gli studenti avranno un comune momento di riflessione e incontreranno personalità della comunità ebraica di Cracovia e dell’Istituto di Cultura Italiana
 Al “Viaggio della Memoria” parteciperanno anche il Sindaco di Albano Laziale Nicola Marini, il Preside del Liceo Classico “Ugo Foscolo” Lucio Mariani e il Presidente dell’Associazione Ada Scalchi.

 

agenzia servizi

Clicca per scoprire i servizi dell'Agenzia

 

Clicca sull'immagine per scoprire Natura e architettura

 


Il primo cittadino ha commentato: «Si tratta di un progetto nel quale crediamo moltissimo e che riproponiamo anno dopo anno, convinti che, visitare i luoghi dove si sono consumate queste terribili atrocità, possa rappresentare un passaggio fondamentale nel percorso formativo e nella crescita dei nostri ragazzi. La visita di questi luoghi è un’esperienza che li accompagnerà per tutta la vita, aiutandoli a comprendere e rendendoli custodi di questa memoria».