I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati, uscita scuola media solo con genitori: fumata nera dopo l'incontro

FRASCATI (attualità) - Nessun passo avanti, la dirigente scolastico non torna sui suoi passi. L'Amministrazione comunale però garantisce la presenza della polizia locale per regolare la viabilità

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

E' stata nera la fumata dopo l'incontro di ieri pomeriggio organizzato dall'Amministrazione comunale per venire incontro ai genitori della scuola media di via D'Azeglio (via Mamiani o ex Nazario Sauro che dir si voglia, anche se forse sarà il caso di trovare un nome ad un plesso che fino a pochi anni era univocamente intitolato all'irredentista istriano) costretti, per la circolare emessa dalla dirigente scolastico, professoressa Paola Felicetti, all'inizio dell'anno didattico, a recuperare personalmente i propri figli all'uscita di scuola (LEGGI l'articolo del 2 ottobre).

Una decisione che la preside ha preso nelle scorse settimane sulla scorta di una sentenza della Corte di Cassazione a seguito della causa per la morte di un bimbo trovolto da un'auto all'uscita di scuola (LEGGI l'articolo del 21 settembre). Identico provvedimento è stato preso da altri - ma non certo tutti - dirigenti scolastici del territorio.

Clicca sull'immagine per scoprire il condominio Antares

Dopo le proteste dei giorni scorsi, dunque, il Comune ha provato a fare da paciere organizzando l'incontro al quale hanno preso parte anche i genitori appartenenti al Consiglio d'istituto. Di fatto, non si sarebbero registrati sensibili passi in avanti tra le parti tanto che la Felicetti è rimasta irremovibile sulla propria posizione.

Clicca sull'immagine per scoprire Petra 2011

Insomma: per recuperare i ragazzi all'uscita della scuola dovranno obbligatoriamente esserci i genitori. Non ci sono trattative che tengano. L'Amministrazione comunale, che sempre in merito alla ex "Nazario Sauro" si trova sul tavolo ancora la rogna del Cpia (il Centro provinciale per l'istruzione degli adulti), avrebbe comunque garantito la presenza due agenti di polizia locale per rendere meno caotica la viabilità all'orario di uscita.

Più di questo, al momento, non si può...

Clicca sull'immagine per scoprire Natura e architettura

 Il comunicato stampa inviato alle 17,33

Sul tema della sicurezza dei ragazzi all’uscita dalla scuola media di via D’Azeglio si è avuto ieri, mercoledì 4 ottobre 2017, il secondo confronto tra le parti a Palazzo Marconi. Erano presenti alla riunione la Consigliera delegata alla Scuola Paola Gizzi, il Consigliere delegato alla Sicurezza Franco D’Uffizi, la Dirigente del III Settore Rita Fabi, la funzionaria dell’Ufficio Scuola Laura Moscatelli, il responsabile del Settore Lavori Pubblici Ernesto Mastrantonio e il Funzionario Riziero Ginestri, il Commissario di Polizia Locale Celso Faccini, la Dirigente dell’Istituto Comprensivo di Frascati Paola Felicetti, accompagnata da alcune docenti della scuola e dal rappresentante dei genitori del Consiglio di Istituto.

Al centro dell’incontro le nuove regole di uscita degli studenti, che negli ultimi giorni hanno creato disagio al traffico veicolare della zona di via Mamiani. Le parti in via sperimentale si sono accordate per un uscita scaglionata delle classi, che dovrebbe rendere più snella e scorrevole la viabilità. Con il Comando della Polizia Locale fino a dicembre si cercherà di garantire la presenza di agenti alle 14 per monitorare meglio il traffico. Al vaglio anche la possibilità di spostare in avanti la sosta dello scuolabus su Via Mamiani, in modo da evitare il sovraffollamento dei genitori all’ora di uscita in prossimità degli ingressi, uno dei quali dalla settimana scorsa, su indicazione della Consigliera delegata alla Scuola Paola Gizzi, era stato autorizzato proprio su via Mamiani per agevolare il deflusso degli studenti. Le parti si riuniranno di nuovo nelle prossime settimane per valutare i risultati della sperimentazione e apportare modifiche per salvaguardare la sicurezza degli studenti