I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Genzano, sopralluogo nella palazzina della tragica esplosione di piazza Buttaroni - FOTO

 
  • GENZANO (attualità) - Nello scoppio morì Alessandro Abbatini
     
    ilmamilio.it 
     

    Prima entrata e primo sopralluogo dei periti di parte ieri a Genzano a distanza di un anno nella palazzina esplosa di piazza Buttaroni dopo il dissequestro da parte della procura. Presenti l'amministratore del condominio Valter Gabriele, alcuni periti dei condomini, il perito dell'assicurazione e alcuni proprietari delle case.

     

    Ora si parte per la ricostruzione e la messa in sicurezza definitiva assegnando l'incarico ad una ditta edile, in modo che anche le altre 15 famiglie ancora fuori  dalle proprie abitazioni (15 già sono rientrate) possano rientrare. 

     

    Nello scoppio della sua casa, la notte di sabato tra il 13 e il 14 ottobre scorso, a causa di una fuga di gas, morì il 48enne Alessandro Abbatini, figlio del grande calciatore genzanese Bruno Abbatini, detto "Schiccherò", e rimase gravemente ferita la sua fidanzata, una 41enne di Roma che venne sbalzata dall'urto sulla sottostante piazzetta. La casa di Abbatini, allenatore della Vis Velletri giovanile,  è stata distrutta nello scoppio e anche altre case e la struttura subirono gravi danni strutturali.

     

     

    190830 lupa3 ilmamilio