I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Frascati: i ragazzi del liceo "Cicerone" si stringono nel ricordo di Michela Perai - FOTO

albero michela frascati ilmamilio3FRASCATI (attualità) - Questa mattina la cerimonia dopo la piantumazione dell'olivo nel cortile della scuola frequentata dalla 14enne scomparsa a novembre per leucemia. Un momento molto toccante

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

"Le cose belle restano, tu sarai sempre qui". E' stato questo uno dei tanti messaggi che i ragazzi del liceo Classico "Cicerone" di Frascati hanno voluto leggere nel corso delle semplice ma molto toccante cerimonia nel ricordo di Michela Perai, la 14enne allieva dell'istituto tuscolano scomparsa lo scorso novembre dopo aver combattuto per due anni e mezzo contro la leucemia.

LEGGI Frascati: nel giardino dei liceo Cicerone un albero in memoria di Michela Perai

In primissima fila, insieme alla dirigente scolastico del Liceo ed al sindaco di Frascati Mastrosanti, i genitori di Michela, Alba e Daniele, che hanno combattuto in questi anni al fianco della figlia e che, questa mattina, non hanno ovviamente potuto trattenere l'emozione per il bellissimo momento di ricordo della ragazza.

albero michela frascati ilmamilio1

Nel cortile della scuola si sono ritrovati praticamente tutti i ragazzi del Liceo, un istituto che la ragazza - nonostante la terribile malattia - aveva voluto iniziare dopo averlo scelto come la "mia scuola".

Michela aveva voluto frequentare la scuola fino agli ultimi giorni possibili, recandosi nella classe allestita per lei al piano terra (il liceo è sprovvisto di ascensore) con la sua sedia a rotelle.

Una mattinata stradordinaria, fatta di lacrime e di emozioni che resterà per sempre nelle menti di chi l'ha vissuta. Una scelta, ha spiegato la mamma, di piantare un olivo piuttosto che un leccio molto presente nel parco, dettata dalla necessità di trasferire valori e la forza di questo albero ai ragazzi.

"Michela - è stato detto - continua a vivere ma sta anche a noi continuare a farla vivere semplicemente guardando questo piccolo albero che, con la sua forza e la sua forte carica simbolica, la rapprenta".

carne fresca