I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Piero Angela cittadino onorario di Frascati. "La scienza? La più alta forma di buonsenso" - VIDEO

piero angela4 frascatiFRASCATI (attualità) - Focus sulla cerimonia di venerdì pomeriggio. "Le prossime frontiere? La vita extraterrestre e la conquista di Marte"

imamilio.it - contenuto esclusivo

primi si diventa

La notte dei Ricercatori Europei di Frascati Scienza, del 28 settembre 2018, ha visto lo svolgersi di numerosi eventi ma il più atteso è stato senza dubbio la cerimonia di premiazione del grande giornalista, scrittore e divulgatore scientifico Piero Angela che è stato insignito dell’alta onorificenza di Civis Tusculanus, ovvero cittadino onorario di Frascati.

Alle 18.30 l’elegante sala delle Scuderie Aldobrandini era gremita di gente in trepida attesa, tra la stampa anche il TGR e Rai News.

roma nuoto

 Dopo una mezz’ora di ritardo a causa del traffico (...), come una vera star, finalmente Angela fa il suo ingresso tra il pubblico che lo accoglie con un applauso lungo e fragoroso.

Dopo la presentazione di un emozionata Emanuela Bruni, assessore alla Cultura del comune di Frascati, il sindaco Roberto Mastrosanti, insieme al presidente del Consiglio Comunale Franco D’Uffizi, a nome di tutta la cittadina, hanno subito consegnato a Piero Angela una medaglia scolpita a rappresentare l’alta nomina che gli è stata conferita.

Successivamente è stata invitata a raggiungere il palco, un’altra brillante personalità del panorama scientifico, la dottoressa Barbara Gallavotti, biologa, giornalista e braccio destro dello stesso Angela come autrice di Super Quark, inoltre è a lei che bisogna dare il merito di aver ideato 15 anni fa, “La Notte Dei Ricercatori Europei”.

natura architettura1

La Gallavotti, presentando l’ultimo libro del divulgatore scientifico: “Il mio lungo viaggio – 90 anni di storie vissute”, prende spunto per fare diverse domande ad Angela ed affrontare importanti argomenti culturali.

Per iniziare, il giornalista e scrittore racconta con la pacatezza e la grazia che lo contraddistinguono, di aver contratto la polmonite all’età di un anno e mezzo e che a salvarlo fu solamente una forte genetica perché allora non c’erano medicinali adatti, ne ha dunque approfittato per affrontare il delicato tema delle vaccinazioni sottolineandone l’importanza e criticando ogni forma di ‘pseudoscienza’ o medicina alternativa. La sua è una lotta che dura da anni e per questo ha persino ricevuto 5 denunce per diffamazione da medici omeopati, denunce che hanno portato a dei processi dai quali Angela è uscito sempre vittorioso.

Racconta inoltre di amare la scienza perché non è democratica, in quanto non permette di barare e non può essere corrotta, ha una sua etica e non ammette opinioni. E alla domanda ‘Cos’è la scienza?’ risponde: “La forma più alta di buonsenso”.

Bcc Castelli Romani Tuscolo

Il conduttore di Super Quark, riflette anche sull’importanza di prendersi del tempo per pensare… Con la sua ironia afferma: “Sono un vecchietto ma fortuna che la macchinetta funziona (indicando la sua testa)”. Continua dicendo che i giovani d’oggi sono vittime di troppe distrazioni, tv, telefono e computer, la loro curiosità è poco stimolata ed è proprio quest’ultima che invece spinge a riflettere e a cercare delle risposte, da lì nasce la creatività.

Barbara Gallavotti procede con le domande e chiede ad Angela perché la musica sia così importante.

festa birraSì, perché bisogna ricordare, che Piero Angela, tra le altre cose, ha anche vinto un concorso come miglior pianista jazz ed era noto come “Peter Angela”. Spiega così che la musica è fondamentale perché fa diventare più intelligenti e rende più gentile l’animo, insegna la disciplina e porta alla socialità.

Dopo aver studiato musica ed ingegneria, Angela non sapeva che strada intraprendere ma poi nel 1952 per la prima volta ha preso in mano un microfono come radiocronista e da lì ha continuato a lavorare per la RAI per altri 66 anni.

IL VIDEO DELLA CONSEGNA A BREVE

L’instancabile Piero parla anche del significato della parola ‘Patria’ che secondo lui in Italia si sta perdendo sempre di più, mancherebbe un senso comune di riconoscersi in un ‘insieme’ e c’è il continuo tentativo di prevaricarsi l’uno sull’altro. Secondo le sue parole, in Italia ci sarebbero degli elementi eccellenti ma manca un ‘mister’ che li dirige ed il merito non viene valorizzato.

L’ultima domanda che gli viene rivolta è: “Qual è il prossimo grande obbiettivo scientifico per Angela?”. Lui risponde facendo riferimento diretto alla scoperta di una civiltà extra-terrestre o alla conquista del pianeta Marte.

Questo incredibile viaggio attraverso la personalità e l’infinita saggezza di Piero Angela si conclude con l’intervento del membro del consiglio di Frascati scienza, Giovanni Mazzitelli che esprime gratitudine ad Angela. A seguire sul palcoi rappresentanti dell'associazione "Idee nuove",  Massimo Papini e Carlo Barbera, associazione che per prima ha proposto l'onorificenza per Piero Angela a "Frascati scienza" e quindi il rappresentanti dell'associazione "Frascati Scacchi" che hanno donato al neo cittadino frascatano una scacchiera conoscendo la passione di Angela per questo gioco.

Essere come Piero Angela è impossibile, somigliargli è molto difficile ma ispirarsi alla sua intelligenza e alla sua vita è un dono che non possiamo lasciarci sfuggire. Un grazie pieno d’affetto e di riconoscenza a quello che è appena diventato cittadino onorario di Frascati, Piero Angela.

frascati rugby club2018