I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Castel Gandolfo piange la scomparsa del canoista Francesco La Macchia: fu argento sul lago a Roma 1960

lamacchia francescoCASTEL GANDOLFO (cronaca) - Aveva 79 anni: conquistò il podio al fianco del castellano Aldo Dezi

ilmamilio.it

Con sincera commozione e profondo dolore, il sindaco Milvia Monachesi, l’Amministrazione Comunale e la cittadinanza tutta, si stringe al cordoglio per la scomparsa di Francesco La Macchia, grande atleta olimpico e cittadino onorario di Castel Gandolfo.

In questa triste circostanza porgiamo le più sentite condoglianze alla famiglia La Macchia, originaria di Tonnarella, in provincia di Messina.

Di Francesco La Macchia conserviamo il prezioso, emozionante e bellissimo ricordo di quando conquistò sulle rive del Lago Albano la medaglia d’argento alle Olimpiadi di Roma del 1960, solcando le nostre acque con il castellano Aldo Dezi e diventando il simbolo della canoa italiana.

Oggi più che mai la nostra comunità ha bisogno di persone come Francesco La Macchia, che hanno vissuto lo sport con spirito di sacrificio, passione ed umiltà, raggiungendo i più alti livelli. Un Uomo e uno Sportivo che, durante la sua vita e la sua carriera, ha saputo incarnare e tramandare alle generazioni più giovani i più importanti e veri valori dello sport.

Il canoista è scomparso lo scorso 31 luglio nella sua città di Tonnarella all'età di 79 anni.

asdFrascati lunga