I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Velletri, devastata e gettata a terra la corona per le Foibe. Indignazione di FdI

VELLETRI (attualità) – La denuncia di Righini. La videosorveglianza potrebbe aiutare ad individuare gli autori del gesto

ilmamilio.it 

palozzi banner2

 Questa notte la corona deposta dalla sezione di Velletri di FDI per onorare la memoria dei martiri delle Foibe è stata devastata e gettata giù dal muro. La denuncia è del consigliere regionale Giancarlo Righini: “Vigliaccheria ed infamia non cancelleranno il nostro ricordo – affferma - Vedremo se si utilizzeranno le immagini della video sorveglianza".

"C’è una piccola differenza tra l’essere liberati dagli americani piuttosto che dai nazional-comunisti di Tito – prosegue Righini - migliaia di morti innocenti, massacrati dai bombardamenti, affogati, infoibati o, nella migliore delle ipotesi, costretti a fuggire". “Le parole di Ottavio Missoni, indimenticato stilista di valore e originario della Dalmazia, scomparso cinque anni fa – prosegue - suonano ancora come un monito. Chi non dimentica ricorda, chi ha vergogna di ciò che accadde ai tanti italiani uccisi, anche coloro che non erano belligeranti in prima persona, cerca ancora oggi di far cadere l'oblio su una delle pagine più tristi e drammatiche della storia d'Italia".

 

agenzia servizi

Clicca per scoprire i servizi dell'Agenzia

 

Clicca sull'immagine per scoprire Natura e architettura

"Non è stato un caso che all'inizio dello scorso dicembre Fratelli d'Italia abbia celebrato il suo secondo congresso nazionale a Trieste, città più italiana fra tutte. La memoria divisa – continua una nota - l’affermazione delle mitologie ideologiche a danno della religione civile della nazione hanno prodotto danni non meno che le stragi delle persone, rendendo ancora più pesante il macigno che ostruiva il passaggio verso le stanze proibite della identità comune". "Oggi che la vicenda delle foibe e dell’esodo – conclude - è divenuta memoria condivisa proprio oggi si rivela necessaria una riconquista piena del passato e di tutti i suoi significati. Non esiste più alcuna ragione, né storica né politica, per la reticenza".

petra nov2017 1
 Clicca sull'immagine per scoprire Petra 2011

Pai