Informativa
 
Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, insieme ad alcuni partner selezionati, potremmo utilizzare dati di geolocalizzazione precisi e fare una scansione attiva delle caratteristiche del dispositivo ai fini dell’identificazione, al fine di archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo e trattare dati personali (es. dati di navigazione, indirizzi IP, dati di utilizzo o identificativi univoci) per le seguenti finalità: annunci e contenuti personalizzati, valutazione dell’annuncio e del contenuto, osservazioni del pubblico; sviluppare e perfezionare i prodotti.

Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento non proseguendo nel sito od acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, proseguendo la navigazione di questa pagina, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.

Grottaferrata: oggi è il giorno della Giunta Andreotti. Non c'è più tempo per rimandare

GROTTAFERRATA (politica) - I nomi sembrano proprio quelli fatti ieri: Vergati, Annese, Di Bernardo e Rocci L'ultima assessora la annuncerà il sindaco

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

E' per forza quella di oggi la giornata buona per la presentazione della Giunta o quantomeno per la firma delle deleghe da parte del sindaco Luciano Adreotti.

Ci sono tempi tecnici, in vista del Consiglio comunale di sabato pomeriggio (15 luglio, ore 15,30), che il sindaco deve rispettare.

Tutto lascia credere che la Giunta ipotizzata ieri sia quella buona.

I nomi, dunque, restano quelli fatti nell'ultima occasione.

LA GIUNTA - Per Claudio Vergati, come detto più volte, la delega alla Cultura, probabilmente quella alla Scuola e la carica di vice sindaco. L'unica donna conosciuta è la già citata Francesca Rocci (Sport?) che dovrà dunque, al pari di Vergati, dimettersi dal Consiglio comunale. L'altro nome in rosa sarà il sindaco ad indicarlo e qui il mistero è fitto.

Gli altri 2 nomi sono quelli di Alfredo Annese, ai Lavori pubblici e quello di Mirko Di Bernardo (in quota Il Faro) cui andranno le Attività produttive.

Previste ovviamente deleghe ai consiglieri comunali ma anche a qualche esterno: il nome in voga in queste ore è quello di Federico Masi che proprio nelle scorse ore - anche per confutare la vicinanza ad Adriano Palozzi - ha dichiarato la propria indiscussa fedeltà ad Andreotti. Per lui prevedibile qualche delega in ambito sportivo.

Il cerchio è insomma chiuso, delega più, delega meno. Con qualche inevitabile (e rischioso) equilibrismo che terrà sulla corda un sindaco, Luciano Andreotti, che ora dovrà cominciare a tirare fuori il carattere.