I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Quelli della mascherina sotto al mento, sul gomito. Ma il virus non è ancora sconfitto

mascherina gomito ilmamilioFRASCATI (attualità) - Le pessime nuove abitudini di chi proprio non riesce a rispettare le regole. Un nuovo lockdown sarebbe devastante

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

La grande moda è quella della masherina, per lo più chirurgica, sotto al mento: o a coprire solo la bocca lasciando scoperto il naso. O ancora meglio, soprattutto tra i giovani - che sostanzialmente danno idea in larga parte di fregarsene delle direttive - sul gomito. E' la moda della primavera-estate 2020, retaggio di un coronavirus che non è stato ancora sconfitto.

Concetto difficile da capire, a quanto pare.

todis montecompatri banner ilmamilio

Eppure i dati nazionali (oltre a quelli regionali) parlano chiaro: i nuovi contagi quotidiani sono nettamente scesi da quei valori di un mese e mezzo fa che ci tennero tutti serrati nelle nostre case, ma anche oggi ci sono stati oltre 600 nuovi casi. Non pochi, non zero.

LEGGI OGGI 22 maggio - Coronavirus: i contagiati scendono ma lentamente. Morte altre 130 persone

Il secondo step della cosiddetta fase2 - ed è bene ricordare che questa è la fase della convivenza con un virus che ha fatto, solo a guardare i numeri ufficiali, oltre 32mila vittime in Italia - è stato da molti inteso come un completo ritorno alla normalità.

Fatta eccezione per la scomoda disposizione di compiere alcune azioni, come ad esempio entrare nei negozi o prendere i mezzi pubblici, con la mascherina.

In molti, soprattutto i giovani, non riescono ad accettare il concetto di distanziamento: come se tutto fosse uno scherzo.

Ma non è così e sarà bene comprenderlo bene. Così come sarebbe importante capire che le mascherine non hanno una durata infinita e che dopo una giornata di lavoro al massimo devono essere cambiate.

E non - come purtroppo molti fanno - messe in tasca per il giorno successivo o, ancora, appese allo specchietto interno delle auto dove una volta si appendevano le fragranze profumate o le scarpette da neonati.

Insomma: il peggio è probabilmente alle spalle ma occorre osservare ancora le direttive. Perché incorrere in un nuovo lockdown sarebbe devastante.

gierreauto200513