I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

SERIE - "La fantastica Signora Maisel”, come affrontare il tema della parità con sagacia e ironia

signora maisel ilmamilioFRASCATI (pazzi di serie) - Su Amazon Prime video una produzione che irrompe sugli schermi con intelligenza e leggerezza

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Quanto dà fastidio una donna di successo? Tanto, e ancora di più se parliamo di una giovane donna sposata, poi separata, e madre di due figli che alla fine degli anni ’50 inizia una carriera da attrice comica.

Si tratta de La fantastica signora Maisel, la serie di Amazon Prime Video, che narra la storia di Miriam "Midge" Maisel, interpretata da una Rachel Brosnhan fenomenale, giovane casalinga ebrea di New York che dopo essere stata lasciata dal marito per un’altra, ubriaca, si esibisce improvvisando uno spettacolo comico in un locale notturno, riscuotendo enorme successo per la sua ironia e comicità. Sarà Susie, cameriera del locale, a notarla e a tentare introdurla nel mondo della stand up comedy.

Una carriera niente affatto facile quella di Midge, immersa in una società dove gli stereotipi dominano la vita umana, dove una donna esiste per sposarsi e mettere al mondo dei figli, specie nell’alta società dell’Upper West Side newyorchese. La delicatezza e la leggerezza con cui si affronta il tema della disparità tra generi è estremamente acuta.

Quando la giovane protagonista si esibisce nei locali mandando il pubblico in sollucchero, emerge tutta la sua intelligenza e bravura innata, ma queste doti non si conciliano con una vita di coppia secondo i canoni. Infatti Joel Maiesel, il marito che a sua volta aveva tentato una carriera da comico fallendo, digerirà così male la scoperta della carriera clandestina della moglie, da non voler tornare con lei. Midge è a un bivio, o il matrimonio o la carriera da comica, e quest’ultima avrà la meglio.

La serie attraversa tutto quello che una donna, anche al tempo d’oggi, deve affrontare dal punto di vista emotivo e morale dopo una separazione, risultando estremamente attuale. Le domande indiscrete e inopportune, il senso di inadeguatezza e imbarazzo di fronte a parenti e amici e la richiesta assidua della madre di trovare subito un nuovo marito, perché altrimenti così, sola e zitella, sarà ai margini della società. Sfugge però che dietro la fragilità della Signora Maisel si cela un’enorme forza e soprattutto autonomia.  Midge ce la farà da sola con il proprio talento, un talento che però fatica ad essere accettato, perché non sta bene per una donna dell’alta società frequentare locali notturni, facendo battute sboccate per far ridere il pubblico.mercatino natale frascati 191201

Guardare questa serie è divertimento puro, si attendono con ansia ed emozione le esibizioni della Signora Maisel, che show dopo show conquista un pezzo di indipendenza, per sé e per tutte le donne. Un modo per parlare di parità di genere e di psicologia delle relazioni umane, disincantato e fresco.

Amazon Prime Video si sta affermando come canale video on demand con serie originali di elevato livello e non stentiamo a credere che presto raggiungerà il successo dei più blasonati Sky e Netflix.

Voto: 8/10