I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

L'emergenza acqua ai Castelli non è ancora finita. Molte famiglie ancora senza. E potrebbe andare anche peggio

MONTE COMPATRI (attualità) - Il guasto al sistema pompe della Doganella ha messo in ginocchio il territorio: e da domani iniziano le turnazioni

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

E' ancora pienamente in corso l'emergenza acqua che da oltre 24 ore sta mettendo a dura prova i cittadini degli 8 comuni serviti dall'acquedotto della Doganella dove, per comunicazione di Acea Ato2, si è verificato un guasto alle pompe.

Quale che sia il guasto nessuno lo ha ancora spiegato: dovrebbe trattarsi di un problema elettrico, dal momento che sin dalle prime ore è stata interessata alle attività di ripristino l'Enel, ma il gestore dell'acqua non ha meglio spiegato. Cosa è successo nei pozzi della Doganella? Non ci sono dei sistemi elettrici e idraulici di soccorso in caso di guasto?

LEGGI Emergenza acqua Doganella: rientro alla normalità in serata. Ma monta la crociata dei sindaci per le turnazioni

Qualcuno poi lo spiegherà alle decine di migliaia di famiglie che sono rimaste senza acqua. Il sospetto è che comunque nei prossimi giorni potrebbe andare anche peggio.

consorzio ro.ma

Molti, a dire la verità, soprattutto nei Comuni a più alta quota, i cittadini che non hanno ancora acqua nelle proprie abitazioni o che l'hanno riavuta nelle scorse ore ed adesso sono nuovamente a secco. "Ieri sera ne usciva un filo, giusto quanto sufficiente per le esigenze minime: stamattina di nuovo nulla", dice una donna di Monte Compatri.

Insomma, Acea Ato2 aveva pianificato - unilateralmente e senza alcun confronto con i sindaci - di iniziare a risparmiare sull'acqua da domani, lunedì 1 luglio, con un sistema si turnazioni che interesserà tutti gli 8 comuni della Doganella: in realtà il risparmio è già partito da ieri quando tutta la zona è rimasta a secco.

Che casualità.

Per i cittadini castellani si preannuncia l'ennesima estate difficile sul fronte dell'acqua, con un gestore incapace di garantire - alla prova dei fatti - il servizio e con sindaci ed amministrazioni comunali che sono sostanzialmente impotenti anche se proveranno a fare la voce grossa.

Mentre qualche sindaco fa addirittura ironia sul grave disagio che stanno subendo i cittadini, c'è da chiedersi quante e quali licenze a costruire i Comuni stiano colpevolmente continuando a rilasciare per completare una devastazione ed una cementificazione del territorio che, cambiamenti climatici a parte, è la prima e più grande responsabile dei grandi problemi di oggi.

Leggi anche:  Acqua, nei Castelli la disponibilità è un problema. Ma si costruisce ancora

danilo boxe