Grottaferrata, l’Abbazia in festa per la delegazione dei parlamentari ortodossi. Avato: “Soddisfazione immensa”

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

GROTTAFERRATA – “La speranza è aver dato un nuovo impulso ad una comunità monastica che ne ha bisogno”

“E’ stato un momento emozionante e bellissimo, da cui sarà possibile dare un nuovo impulso alla comunità monastica basiliana. L’evento è andato al di sopra di ogni più rosea aspetattiva. Gli intervenuti hanno mostrato un grande entusiasmo per la visita. Particolare emozione mi ha dato il fatto che il Patriarca di Costantinopoli abbia ricordato di quando visitava l’Abbazia assieme al sottoscritto in gioventù. Spero davvero che questo appuntamento abbia fatto piacere anche alla Comunità di Grottaferrata”. Virgilio Avato, dell’Associazione “Amici dell’Abbazia Greca di San Nilo”, è soddisfatto. L’evento organizzato ieri pomeriggio, e che ha portato a Grottaferrata 115 parlamentati ortodossi provenienti da 5 continenti, ha rimesso l’Abbazia di San Nilo al centro del dialogo, là dove gli compete. La storia millenaria ha ripreso per un giorno la sua antica strada.

L’appuntamento ha visto la presenza del Vescovo Marcello Semeraro, del Commissario straordinario Dott. Giacomo Barbato, al suo commiato con la città che ha governato per otto mesi, i rappresentanti dei Monaci Basiliani. I fratelli Ortodossi, Onorevoli, provenienti da 46 paesi nel mondo, sono rimasti colpiti ed ammirati dalla bellezza del Monumento Nazionale fondato nel 1004, arricchito per l'occasione dal gruppo di cittadini vestito in abiti tradizionali e animato dall'associazione 'Ce steva 'na vota', ancora una volta presente nelle occasioni speciali per la città.

Per una settimana i 115 parlamentari saranno a Roma, dove verranno ospitati anche al Senato della Repubblica, per la Interparlamentary Assembly on Orthodoxy (I.A.O.). Nella visita di ieri sono stati accompagnati da Metropoliti del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli, del Patriarcato di Alessandria di Egitto e del Patriarcato di Mosca. Alla presenza di numerosi cittadini, il Dott. Avato ha fatto gli onori di casa ai graditissimi ospiti, ricordando il valore che l’Abbazia rappresenta in un clima di grande cordialità. Dopo i saluti, la corposa delegazione ha visitato la chiesa di S. Maria di Grottaferrata, assistito al coro Melurgico canto Axion estin ( inno alla Madonna) e visitata la Biblioteca Statale all' interno del giardino e cortile del Sangallo.

Un ulteriore piccolo passo, per i più positivi, verso il raggiungimento del riconoscimento dell'Abbazia di S. Nilo come Patrimonio dell'Umanità, il grande sogno per il quale si battono, da anni, pochi testardi cittadini, fedeli e intellettuali in città.

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna