Ricerca nell'archivio:

Funerali di Priebke: altissima tensione ad Albano Laziale. Il carro funebre accolto con calci e sputi - LE FOTO

25-11-2013

ALBANO LAZIALE - In corso le esequie del capitano delle SS. Alcuni tafferugli si sono registrati in città. Polizia in assetto antisommossa. Spintonato ed insultato un sacerdote

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

AGGIORNAMENTO ORE 07.30

Caos, ad Albano Laziale, i funerali di Erich Priebke. L'arrivo del feretro in città ha provocato fortissimi momenti di tensione. Il carro è stato accolto da lanci di sassi e oggetti vari. Il feretro è comunque riuscito ad entrare all'interno della Cappella del Sacro Cuore di Gesù, in Via Trilussa. La cerimonia funebre è stata sospesa, pochi minuti fa, dopo che il prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro, d'accordo con le forze dell'ordine, ha vietato l'ingresso nella cappella dove era incorso il rito funebre per Priebke, ad un gruppo di appartenenti all'estrema destra. Il sacerdote ha sospeso la cerimonia funebre. Nella notte, la salma ha lasciato comunque la cittadina a bordo di un furgone blu, che è entrato da un accesso secondario, destinato poi all’aeroporto militare di Pratica di Mare. Si è conclusa così una giornata incredibile per la cittadina dei castelli romani, con scontri tra estremisti di destra e manifestanti hanno acuito ancora più il clima da battaglia in città. Urla, spintoni, pugni e lanci di bottiglie. La polizia ha dovuto lanciare alcuni lacrimogeni ed intervenire con i blindati per riportare la calma. Due persone sono state fermate.  L'avvocato Paolo Giachini, legale dell'ex Capitano delle Ss Erich Priebke, ha commentato: ''Il rito non è mai iniziato. Non l'ho autorizzato visto che i parenti e gli amici più stretti di Priebke sono rimasti fuori. Hanno lasciato persone fuori. Il figlio era qui ma non lo hanno fatto entrare, perché fuori c'erano persone che picchiavano chi provava a entrare''. 

LE FOTO

Il clima rovente, nella cittadina dei castelli romani, si è alzato dal momento in cui si è saputa la notizia del funerale. Il sindaco di Albano LazialeNicola Marini, sorpreso dalle decisione, ha firmato un'ordinanza che voleva vietare il passaggio di qualsiasi salma sul nostro territorio comunale, ma il Prefetto di Roma ne ha ordinato la revoca, invitando a procedere con il rito funebre in forma privata. Intorno alla Chiesa del Sacro Cuore si sono verificati alcuni tafferugli tra militanti di estrema destra e di sinistra. Un Sacerdote lefebvriano è stato insultato e spintonato all'ingresso dell'Istituto. Ennio Morigi, presidente dell'Anpi di Albano, durante gli attimi più concitati, si è sentito male ed è stato trasportato via in ambulanza. 

500/600 persone si sono radunate attorno alla Cappella della Fraternità Sacerdotale Pio X dentro alla quale si svolgeranno le esequie di uno dei responsabili delle Fosse Ardeatine. Dopo la messa funebre, Priebke sarà trasferito nuovamente a Roma per essere cremato. Il forno crematorio del cimitero romano di Prima Porta questa sera sarà tenuto operativo - secondo alcune indiscrezioni - oltre il normale orario di chiusura. 

Tra la folla, sono presenti il sindaco di Albano, Nicola Marini, e quello di Genzano, Flavio Gabbarini, entrambi con la fascia tricolore. Il primo cittadino di Genzano ha evidenziato lo sfregio prodotto, con questa cerimonia al territorio dei castelli romani ed anche alla sua città, che ha sacrificato sei concittadini nella strage delle Fosse Ardeatine. Anche la deputata di SEL, Ileana Piazzoni, ha rimarcato questo aspetto: ''Mi ritengo offesa dalla scelta di utilizzare il nostro territorio per ospitare i funerali di Priebke, seppure in forma privata. I Castelli hanno una grande tradizione antifascista che non può subire l'oltraggio di un'imposizione di questo tipo.  Albano e i castelli romani non sono la discarica politica dei problemi irrisolti, dove conferire i resti scomodi di ciò che tutta l'Italia vorrebbe cancellare. Trattandosi di crimini contro l'umanità, la soluzione di questa vicenda deve essere trovata a livello sovranazionale''.

Intanto Maurizio Aversa, Segretario del Pdci di Marino, accusa il Prefetto di Roma Pecoraro: ''Con questa sua decisione che ha violato l’autonomia intima di una comunita’ antifascista, di una citta’ medaglia d’oro per la resistenza, ha violato la liberta’ di tutti noi cittadini democratici antifiascisti castellani. Quindi puo’ fare solo due cose: dimettersi dal suo incarico chiedendo scusa per come ha malamente interpretato il suo ruolo; oppure spiegare se ha ricevuto direttive dalla direzione politica del ministero degli interni (Alfano). In tal caso sarebbe il Ministro a doversi dimettere''.

''Ho chiesto al Governo di intervenire per fermare - afferma ancora la deputata Piazzoni - lo scempio di un prefetto che oltraggia la memoria delle vittime delle Fosse Ardeatine autorizzando il passaggio della salma e quindi il funerale di Priebke contro la volontà dei cittadini di Albano e dei Castelli Romani, come espressa dal sindaco Nicola Marini nella sua ordinanza''.

Le foto pubblicate sono di esclusiva proprietà de ilmamilio.it - Ogni abuso verrà perseguito ai sensi delle vigenti leggi in materia di copyright



Il Mamilio || Proprietario ed Editore: Associazione Territorio || Direttore Responsabile: Marco Caroni || Redazione: Via Enrico Fermi 15, 00044 - Frascati (Rm) - tel. 331.91 88 520 Quotidiano Telematico di informazione www.ilmamilio.it || Non si riconosce alcun compenso o attestazione per articoli e foto pubblicate anche se firmate, salvo differenti accordi scritti particolari Registrato al Tribunale di Velletri n. 14/10 del 21/09/2010 - Copyright © 2019