Frascati e Grottaferrata affogano nel traffico: con le scuole si è paralizzato tutto

Pubblicato: Mercoledì, 21 Settembre 2022 - redazione attualità

traffico grottaferrta ilmamilioFRASCATI (attualità) - Decine di segnalazioni, cittadini inviperiti. Non si cammina letteralmente più

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Un traffico letteralmente impazzito che da giorni rende al mattino gli spostamenti difficilissimi e lentissimi.

A decine arrivano presso la nostra redazione le segnalazioni da parte dei cittadini: da Frascati, soprattutto, ma anche da Grottaferrata (come visto più volte nei giorni scorsi) e da Monte Porzio Catone.festival birra ilmamilioastorre banner ilmamilio

Un intero quadrante sotto scacco del lunghissimo serpentone di auto che si dipana dal budello di via di Salè e arriva fino a Squarciarelli, che scende da via Frascati (da Rocca di Papa) e arriva fino alla via Tuscolana. La riapertura delle scuole ha avuto un impatto letteralmente devastante sulla mobilità locale ed è oggettivamente complicato pensare a delle contromisure a stretto giro.

pd piccarreta

FRASCATI - Frascati è il nodo nevralgico di tutta l'area tuscolana. Chi a Frascati si muove, chi a Frascati deve arrivare, chi Frascati la deve solo attraversare per raggiungere altre zone. A complicare le cose ci sono due aggravanti: i lavori in corso sulla Tuscolana (da luglio) e, soprattutto da ieri, quelli di via Fausto Cecconi, che dureranno una ventina di giorni e che chiudono questa vitale stradina di collegamento con Grottaferrata dalla 8,30 alle 18.

A complicare ulteriormente le cose c'è la mancanza di scuolabus da parte del Comune per i noti problemi di dissesto: particolare questo che, potrebbe sembrare trascurabile ma non lo è, costringe a scendere in strada centinaia di famiglie. E dunque centinaia di auto.

GROTTAFERRATA - Il problema è quello di sempre: il nodo di Squarciarelli. Le poche azioni adottate nel corso degli anni non hanno sciolto definitivamente un nodo che è davvero intricato. Verrebbe da dire: maledetto chi l'ha pensato. Ma così è. Al momento l'unica cosa da fare appare quella di limitare i danni a breve ed a lungo raggio: ovvero provare a snellire la circolazione con qualche intervento mirato e, soprattutto, evitare che vengano realizzate altre abitazioni in un quadrante già ampiamente saturo.

freeTime1 ilmamilio

 

 

 

colline nuoto6 ilmamilio


Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna