Ardea/Pomezia | Siccità e carenza idrica: i sindaci vietano di sprecare l'acqua

Pubblicato: Venerdì, 01 Luglio 2022 - Redazione

ARDEA/POMEZIA (attualità) - Firmate le ordinanze che vietano di riempire piscine, annaffiare orti, lavare auto e balconi: l'acqua sarà utilizzabile solo per uso domestico e personale

Ilmamilio.it - nota stampa 

Questa mattina, 1 luglio 2022, il sindaco di Ardea Maurizio Cremonini, e il sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà, hanno firmato due ordinanze per la limitazioni all’utilizzo e al consumo dell’acqua potabile per la stagione estiva 2022.

vivace3 banner ilmamilio

 

I provvedimenti arrivano a margine della grave siccità che sta interessando l’intera Italia e del Decreto del Presidente della Regione Lazio con cui è stato proclamato lo stato di calamità naturale per l’intero territorio regionale a causa della grave crisi idrica determinatasi per l’assenza di precipitazioni meteorologiche e in conseguenza della generalizzata difficoltà di approvvigionamento da parte dei Comuni.

«Faccio appello al senso di responsabilità di tutti i cittadini - spiega il Sindaco di Ardea, Maurizio Cremonini -, affinché si faccia un uso oculato di un bene prezioso quale è l’acqua potabile. Siamo in un momento di grave siccità, difficile per tutti: occorre quindi che si faccia particolare attenzione ai comportamenti di ognuno di noi».

Le ordinanze, che resteranno in vigore fino al 30 settembre 2022, prevedono il divieto di utilizzo dell’acqua potabile erogata dall’acquedotto pubblico nei seguenti casi:

  1. uso diverso rispetto a quanto previsto dal contratto di fornitura con la concessionaria per il Servizio Idrico Integrato;
  2. riempimento di vasche e piscine, anche da giardino;
  3. lavaggio di automezzi, cicli e motocicli;
  4. irrigazione di giardini e orti, lavaggio di strade, selciati, piazzali e altre aree similari e, comunque, per qualsiasi utilizzo diverso da quello non riconducibile strettamente all’uso personale;
  5. uso ludico;
  6. prelevamento dell’acqua potabile dalle fontanelle pubbliche per usi non diretti e immediati, ma anche per riempire cisterne o botti o per rifornire locali e aree privare mediante l’utilizzo di tubi di gomma e altro materiale.

In più, si dispone anche che i prelievi di acqua della rete idrica siano consentiti esclusivamente per i normali usi domestici, ovvero per le attività regolarmente autorizzate, le quali necessitano dell’uso di acqua potabile.

colline centroEstivo22 ilmamilio

 

Il Sindaco di Pomezia ha inoltre disposto inoltre:

  • la chiusura dell'erogazione idrica nelle fontane che costituiscono arredo urbano;
  • che i prelievi di acqua dalla rete idrica siano consentiti esclusivamente per normali usi domestici, ovvero per tutte le attività regolamentate autorizzate, le quali necessitano dell’uso di acqua potabile;
  • sono esclusi dal presente atto gli innaffiamenti dei giardini pubblici, parchi ad uso pubblico e le aree cimiteriali, qualora l’organizzazione del servizio non consenta l’innaffiamento in orario notturno, nonché i servizi pubblici di igiene urbana;

“Un provvedimento necessario – dichiara il Sindaco Adriano Zuccalà  – alla luce della crisi idrica, delle previsioni meteo che anticipano una stagione particolarmente  calda, accompagnata da scarse precipitazioni e temperature elevatissime. E’ quindi indispensabile contenere il consumo di acqua potabile per usi diversi da quelli domestici, al fine di limitare possibili disagi ai cittadini durante il periodo estivo. Serve la costruttiva collaborazione di tutta la cittadinanza per un uso razionale e corretto dell'acqua al fine di evitare inutili sprechi”.

 

 centroEstivo freeTime ilmamilio

 


Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna