La Cgil Roma Sud-Castelli Romani-Pomezia: liste di attesa lunghissime, la cura sanitaria non può attendere

Pubblicato: Giovedì, 30 Giugno 2022 - redazione attualità
 
  • POMEZIA (attualità) - Parla il sindacato
     
    ilmamilio.it
     
    In un Comunicato Stampa – Cgil Roma Sud Pomezia Castelli,  Spi Cgil Roma Sud Pomezia Castelli,  Fp Cgil Roma Sud Pomezia Castelli sottolinea la lungaggine delle liste di attesa in sanità sul territorio dei Castelli Romani e Litorale.  La cura non può attendere nemmeno nella Asl RM 6, soprattutto dopo la pandemia l'accesso alle prestazioni sanitarie è un obiettivo ancor più importante .
    centroEstivo freeTime ilmamilio
     
    Il rallentamento delle attività ambulatoriali, diagnostiche, particolarmente grave sul territorio, oltre che nei poli ospedalieri, si somma alla emersione di patologie, soprattutto degenerative, correlate ai secondarismi del covid che aumentano la domanda di salute.
     
    La pesantezza della situazione è rappresentata anche dai dati regionali, seppure drogati in basso da alcuni fenomeni di gestione burocratica che non fanno emergere completamente la realtà dei problemi.
     
    Abbiamo preso  in esame i dati relativi alla diagnostica a breve effettuati nella Asl Roma 6 nel periodo dal 12 maggio al 12 giugno e  balza all'occhio un dato per tutti, nella Asl Roma 6 risiedono il 9,5% della popolazione del Lazio, ma le prestazioni diagnostiche sono pari al 6% di quelle complessive del Lazio, evidenziando un fenomeno migratorio verso Roma e verso il privato per ottenere cure e prestazioni.
     
    Scelte dettate con molta probabilità  dalla difficoltà ad ottenere gli appuntamenti  in tempi congrui rispetto a quanto previsto dalla normativa  ed a quanto richiesto dall’urgenza della patologia e in parte forse  per ragioni di qualità del servizio percepito nella propria Asl di appartenenza.
     
    Anche il dettaglio ci fornisce l’immagine di una prestazione basica, che non è punto di riferimento per la diagnostica avanzata sia per immagini, sia di laboratorio che di tipo strumentale.
    colline centroEstivo22 ilmamiliovivace3 banner ilmamilio
     
    Per diverse voci il dato degli esami effettuati è addirittura 0, segno evidente che questo tipo di esame non viene erogato anche legate alle cure dei processi di diagnosi precoce degli screening che evidentemente inducono i pazienti a migrare.
     
    Gli investimenti previsti dal Pnrr sul territorio potrebbero ridisegnare la medicina del territorio, attraverso la costituzione di nuovi Ospedali di Comunità, Case di Comunità e Centrali operative territoriali, così come definito dal piano regionale, tuttavia quest'occasione rischia di essere in parte vanificata se non è accompagnata dalla piena messa disposizione del personale sanitario e medico.
     
    La crescita della base occupazionale degli ultimi due anni giunge  dopo oltre 15 anni di emorragia, che aveva tagliato il 30% del personale, con l’arretramento generalizzato delle prestazioni e dei servizi, e con il rischio che i limiti finanziari rallentino la stabilizzazione dell’occupazione acquisita.
     
    Aumentare la quantità e la qualità delle prestazione sanitarie pubbliche, riducendo le liste d'attesa e rendendo esigibile il diritto ad una salute di qualità per tutti è possibile solo investendo, oltre che sulla costruzione delle strutture, sul lavoro degli operatori sanitari che erogano le prestazioni.
     
    L'abbattimento delle liste d'attesa è oggi un’emergenza che non può attendere i tempi dell’attuazione del Pnrr, ma necessita interventi immediati e concreti ed un impegno straordinario da parte della Regione e delle Asl.
     
    Per questo  la CGIL nel Lazio  ha promosso  la campagna "La cura non può attendere"  per il potenziamento della sanità pubblica, l’abbattimento delle liste d’attesa, nuove assunzioni per garantire il diritto costituzionale alla salute.  Anche nel territorio della nostra Camera del lavoro   stiamo programmando insieme allo Spi Cgil , alla Fp Cgil , alle categorie tutte ed  a Federconsumatori   volantinaggi ed iniziative  per informare e supportare i cittadini che riscontrano difficoltà, o tempi di attesa che non rispettano le classi di priorità indicate dal medico sulla ricetta (ricordiamo che va sempre indicata!!). Essi potranno rivolgersi agli Sportelli Sociali Spi o a Federconsumatori presenti sul territorio direttamente oppure inviando un messaggio wattsapp al n 3515638127
     
    Chiediamo inoltre alla Regione Lazio un impegno straordinario ed  alla ASL Roma 6 di avviare un confronto urgente con le organizzazioni sindacali  sulla situazione della sanità pubblica nel territorio, sia relativamente alle liste d’attesa che  all’attuazione e monitoraggio degli investimenti della missione 6 del Pnrr, come peraltro previsto dai protocolli    che  attribuiscono una titolarità precisa al sindacato.
     

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna