Grottaferrata | Divieto di uso improprio di acqua potabile: l’ordinanza del sindaco

Pubblicato: Giovedì, 23 Giugno 2022 - redazione attualità

GROTTAFERRATA (attualità) – Il primo cittadino ha recentemente preso provvedimenti in seguito alla grave situazione che ha investito l’intero territorio regionale

ilmamilio.it – nota stampa

Con ordinanza sindacale n.1 del 23/06/2022 il Sindaco Mirko Di Bernardo ha disposto il divieto di usi impropri della fornitura idrica potabile sul territorio comunale. A seguito dell’aumento dei consumi di acqua potabile e del contestuale aumento delle temperature proprie del periodo estivo, cui si aggiunge la grave situazione di emergenza idrica che ha colpito l’intero territorio della Regione Lazio, il Sindaco ha ritenuto doveroso contrastare ogni utilizzo superfluo dell’acqua potabile rispetto alle prioritarie esigenze d’igiene, d’uso e di servizio domestico.

“Ho firmato oggi la mia prima ordinanza sindacale – ha detto il Sindaco –. Impone il divieto di usi impropri o superflui della fornitura idrica potabile su tutto il territorio comunale fatte salve le prioritarie esigenze di igiene, d’uso e di servizio domestico”.

vivace3 banner ilmamilio

colline centroEstivo22 ilmamilio

“Invito pertanto concittadini e attività – ha proseguito Di Bernardo – a porre la massima attenzione nei consumi di tutti i giorni per evitare sprechi e salvaguardare il bene comune per eccellenza, l’acqua potabile. È un periodo difficile e di grave siccità per i territori del Lazio, ma ognuno di noi può e deve dare il suo contributo nel proprio piccolo per evitare che la situazione possa avere ricadute negative sulla nostra comunità”.

L’ordinanza resterà valida fino al 30 settembre, a questo link potete prenderne visione (CLICCA QUI).

centroEstivo freeTime ilmamilio


Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna