Menzione Speciale “Premio Internazionale EcotechGreen” per ancoraggi alberature al frascatano Gian Pietro Cantiani

Pubblicato: Mercoledì, 18 Maggio 2022 - redazione attualità

FRASCATI (attualità) - La Menzione Speciale è andata ai tre professionisti che da anni operano sul territorio di Roma, dei Castelli Romani, del Veneto e su tutta la Penisola

ilmamilio.it

 Lo scorso 22 aprile sono stati proclamati i vincitori - su oltre 70 candidature – della terza edizione del Premio Internazionale “EcoTechGreen”, importante riconoscimento che il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori e PAYSAGE, con la Rivista Internazionale TOPSCAPE, hanno promosso in collaborazione con Padova Hall, in occasione della tredicesima edizione del “Forum Internazionale ECOtechGREEN”, incontro internazionale che nel settore dell’Architettura del Paesaggio sviluppa e indaga il tema del Verde tecnologico.

vivace3 banner ilmamilio

In questa edizione Gian Pietro Cantiani (Frascati), Luigi Strazzabosco (Padova), entrambi dottori forestali, e Andrea Santacroce, dottore agronomo di Roma, hanno ricevuto il premio ‘menzione speciale’ al progetto Sistemi per ancoraggi radicali nelle alberature in ambiente urbano e biostimolazione – Comparazione prove Dynaroot, Giardino delle Ninfee, Roma, con la motivazione: «Per l’innovazione tecnologica del sistema relativa alla messa in sicurezza di alberature storiche in un contesto di grande pregio come il Giardino delle Ninfee nel Parco Santa Maria della Pietà a Roma».

Il progetto è stato presentato al Premio dal patavino Strazzabosco per la Categoria G: “Studi, ricerche, brevetti, tesi, prototipi relativi allo sviluppo di tecnologie verdi per il progetto del paesaggio”: questo si presentava come l’evoluzione di un precedente lavoro già premiato nell’ambito della stessa manifestazione, nel 2019, per gli innovativi ancoraggi radicali del pino domestico e pino d’Aleppo a Lignano Sabbiadoro.

colline centrosportivo2 frascati ilmamilio

Dopo questa esperienza il gruppo di lavoro composto da Cantiani, Santacroce e Strazzabosco ha riproposto lo stesso protocollo nel giardino delle Ninfee all’interno del Parco di Santa Maria della Pietà a Roma. Le condizioni del terreno, però, non permettevano l’uso degli stessi ancoraggi di Lignano e così il problema è stato risolto con l’aiuto della Fast Italia, società che progetta ancoraggi per alberature che, con un sistema a più ancore capace di superare gli strati di terreno estremamente compatti, ha permesso di assicurare al suolo oltre quaranta pini. Fra le modifiche si è aggiunto il posizionamento di una barriera ‘anti-radice’ che blocca la ricrescita delle radici orizzontali dove non si vuole che queste vadano ad espandersi: il risultato ha così confermato, e riadattato risolvendo il problema, il protocollo di Lignano.

lievito madre genzano

La Menzione Speciale è andata ai tre professionisti che da anni operano sul territorio di Roma, dei Castelli Romani, del Veneto e su tutta la Penisola, in tema di ancoraggio degli alberi al suolo o nel combattere Toumeyella parvicornis, la temuta cocciniglia che attacca il pino domestico portandolo spesso a morte se non isolata in tempo: l’insetto che di per sé non ha colpe sta però distruggendo un albero che, soprattutto per la Capitale, è simbolo del paesaggio storico e odierno di una delle città fra le più verdi d’Europa.

Nell’immagine: i dottori Strazzabosco, Cantiani e Santacroce con il riconoscimento ottenuto

free time aperti2 ilmamilio


Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna