Velletri-Sud Pontino: agricoltori e produttori diretti in ginocchio, causa pandemia e indifferenza istituzioni. Nota dell'Aspal.

Pubblicato: Domenica, 16 Gennaio 2022 - redazione attualità
 
  • Velletri (attualità) - L'allarme lanciato da Stefano Giammateo
     
    ilmamilio.it
     
    Il presidente dell'associazione produttori agricoli diretti "Aspal", Stefano Giammatteo, ha diramato una nota dove dichiara:  "Nessuno si degna di affrontare e risolvere i nostri problemi di agricoltori della zona dei Castelli Romani-Velletri e sud Pontino. Dal direttivo tuonano critiche ancor più dure di quelle passate, nei confronti di chi di dovere . La situazione di pandemia, è solo l'ennesima bordata in negativo nel nostro settore ,che al momento continua ad avere grossi problemi per  carenza di manodopera, con il serio rischio di vedere compromessi i vari raccolti ed anche gli altri lavori stagionali in campagna.
     

    colline centrosportivo2 frascati ilmamilio

     
    A questa situazione di disagio, vanno aggiunti  i continui adempimenti post covid, i quali  non fanno altro che aumentare il nostro costo del lavoro, senza agevolare, ne i datori di lavoro ,ne tanto meno gli operai. In merito ai costi di produzione, nessuna istituzione si è accorta che sono aumentati vertiginosamente anche il  gasolio, la corrente, i concimi, le sementi, i trasporti, ed anche altre materie prime ,di cui in campagna non se ne può fare a meno. A tutto questo, dobbiamo aggiungere le gravi perdite di produzione, causate dalle fitopatie ( moria del kiwi), e dalle continue calamità naturali come grandine, vento, gelo, calamità naturali, nubifragi. con conseguente perdite di reddito cospicue.
    Farmacia Pratone1 grottaferrata ilmamiliovivace3 banner ilmamilio
     
    E per gli agricoltori del nostro territorio infine, un ultima cosa che l'Aspal Lazio evidenzia da anni :  troppa differenza di prezzo dal campo alla tavola, troppe speculazioni sui prezzi dei prodotti agricoli al campo, all'interno della filiera agro-alimentare,che penalizzano sempre e solo gli anelli deboli della filiera : agricoltori e consumatori . Su tutte queste rivendicazioni, continueremo la nostra azione anche nel 2022,in tutte le sedi istituzionali preposte, governo, regione, comuni, città metropolitane, provincia come abbiamo sempre fatto in passato. E fino ad ora però, dalla politica in generale, non abbiamo avuto nessuna risposta , tanta indifferenza, a tutte queste problematiche che viviamo ogni giorno. " La cosa importante da dire, conclude Stefano Giammatteo, storico presidente dell'Aspal,  è che in questo momenti tutti i comparti del settore agricolo sono in sofferenza ; perché sono aumentati di molto i costi delle materie prime : concimi, sementi, gasolio, corrente e altro materiale di prima necessità agricola. Inoltre è aumentato il costo del lavoro, anche  in virtù delle ultime disposizioni  sulla sicurezza, ed anche per  nuovi adempimenti burocratici post covid.  Tutto ciò però,  non aiuta ne i datori di lavoro, ne tanto meno i braccianti , con il serio rischio di perdere altri posti di lavoro in agricoltura, dove la scarsità della manodopera è un problema reale e preoccupante, da quando è iniziata la pandemia . Purtroppo, si fanno controlli su mille cavilli burocratici, ma nessuno delle autorità e delle istituzioni preposte,  si è accorta che noi coltivatori diretti invece stiamo perdendo le aziende agricole , che sono la colonna portante di tutta la catena agroalimentare ".  

    Comunita Tuscolana banner ilmamilio


Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna