Ascensore in casa? Pro e contro dell'impianto (e delle diverse tipologie)

Pubblicato: Mercoledì, 06 Ottobre 2021 - redazione attualità

ascensore otis ilmamilioROMA (attualità) - Un mercato in forte espansione: qualche consiglio utile per l'acquisto

ilmamilio.it

L'ascensore in casa è una comodità che sempre più italiani decidono di avere e questa scelta dipende anche da ragioni sociali. Dopo la pandemia infatti il mercato immobiliare delle case indipendenti è cresciuto del 12,3% e le stime parlano di un aumento del 20% nei prossimi anni delle persone che abiteranno in abitazioni singole, con una massiccia fuga dalle città. In Italia, a rallentare questo cambiamento epocale delle abitudini è l'invecchiamento della popolazione, perché nell'acquisto di una casa diventano nel tempo un ostacolo le scale e le barriere architettoniche.

Per venire incontro a queste esigenze si stanno muovendo sia le aziende produttrici di ascensori con proposte sempre più innovative e accessibili economicamente sia lo stato che, per migliorare l'accessibilità degli edifici e il comfort abitativo, ha inserito nella legge di bilancio 2021 la possibilità di accedere al bonus 110% anche per l'installazione dell'ascensore per le persone ultrasessantacinquenni o con disabilità. Un vantaggio che potrebbe sicuramente incentivare anche gli acquisti e dotare sempre più case di un impianto con ascensore per muoversi liberamente tra i piani. Per scegliere l'ascensore in casa occorre tuttavia informarsi in merito ai pro e ai contro dell'impianto, conoscere i costi e capire bene le varie funzioni. Solo in questo modo si può capire qual è la tipologia più adatta alle esigenze degli abitanti.

Superamento delle barriere ma costi a volte elevati: pro e contro dell'impianto

Un impianto dedicato alla mobilità in casa è, come abbiamo detto, una comodità e nello stesso tempo una necessità. Con l'avanzare dell'età si avrà bisogno di un ausilio per salire le scale e inoltre è sempre utile avere un dispositivo che faciliti la salita anche per spostare carichi o portare mobili ai piani. I pro sono rappresentati quindi innanzitutto dal miglioramento del comfort abitativo e dalla possibilità di garantire massima accessibilità ad ogni ospite. Prima di installare un ascensore, un montascale o un servoscala, è però fondamentale capire cosa occorre per installarlo e quali sono le peculiarità dell'abitazione. Un ascensore standard ha una cabina di 80x80 centimetri e richiede un vano per contenerlo di almeno 120 centimetri e 95 centimentri di profondità. Il primo aspetto da valutare è quindi lo spazio. Ci sono poi i mini ascensori, i montascale e i servoscala che occupano meno spazio e sono più semplici da installare. Bisogna però valutare il numero delle persone che utilizza il dispositivo, la presenza o meno di ausili per il trasporto, come deambulatori e sedie a rotelle, e le caratteristiche della casa.

Le aziende al giorno d'oggi sono molto attente alla cura del design, all'ottimizzazione degli spazi e alla sicurezza, quindi ciascun modello è adattabile ad ogni situazione. È però basilare pensare alle esigenze primarie e poi intervenire su estetica e strumenti per ridurre l'ingombro. Un altro elemento da prendere in considerazione è il costo che può essere sia un pro sia un contro. Sul mercato ci sono molteplici soluzioni, ma è chiaro che l'ascensore è in ogni caso un investimento importante, che richiede una spesa alta all'inizio e un costo per la manutenzione regolare nel tempo. Se bisogna progettare un impianto per un edificio già esistente e non di nuova costruzione, potrebbero essere anche richiesti interventi edilizi ulteriori.

È importante comunque affidarsi ad aziende specializzate in grado anche di consigliare e offrire la scelta più adatta ai diversi edifici, e di assicurare negli anni interventi di riparazione puntiali e tempestivi. Il sito Alfaelevatori.it presenta diversi modelli per ogni tipologia di abitazione: ci sono gli ascensori con cabina e vano in muratura; i mini ascensori che richiedono un vano più piccolo per essere posizionati; i cosiddetti room less, ossia gli ascensori senza il locale macchinari. Si poi passa poi ai dispositivi più semplificati come il montascale, la poltroncina che si fissa alla ringhiera o il servoscala, che è dotato di una pedana per il trasporto ai piani. Capire qual è l'opzione migliore per conciliare budget e bisogni è il primo fondamentale step da compiere.


Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna