Cacciatore e Scarponi (EV): “Discarica Albano non risolve problema rifiuti a Roma”

Pubblicato: Lunedì, 19 Luglio 2021 - Redazione politica

Albano Laziale | No a riavvio discarica Roncigliano, assemblea pubblica di  fronte al sitoALBANO LAZIALE (politica) - Da Piano Rifiuti, la disponibilità della Discarica di Albano è di circa 90000 tonnellate. Roma produce quasi 2465 tonnellate al giorno che diventano circa 1650 di rifiuti conferiti

ilmamilio.it - nota stampa

“La settimana scorsa, la Sindaca Virginia Raggi ha disposto la riapertura della Discarica di Albano, facendo pagare a tutti i territori – Roma, provincia di Roma e altre province del Lazio - gli errori della sua Amministrazione. E questo per la semplice necessità di fare campagna elettorale.

LEGGI ANCHE --> “Da lunedì 26 luglio la discarica di Albano sarà la pattumiera di Roma”

parcoUlivi pubb3 ilmamilio

L’Ordinanza della Sindaca può forse derogare alle leggi. Tuttavia, bisogna sempre calcolare gli effetti che l’Ordinanza produce per la cittadinanza e per l’ambiente. Alla vigilia della riapertura della discarica, ferma dal 2016, dobbiamo infatti chiederci: sono stati portati avanti gli opportuni rilievi che dimostrano l’impatto sulla vivibilità del territorio?”.

Così dichiarano Marco Cacciatore, Consigliere Regionale di Europa Verde e Marcello Scarponi, Coordinatore di Europa Verde Albano Laziale, che proseguono: “In ogni caso, questa scelta non risolve la crisi dei rifiuti. Carte alla mano, Roma porterà ad Albano dalle 80 alle 140 tonnellate di rifiuti al giorno.

gottodoro mamilio

Da Piano Rifiuti, la disponibilità della Discarica di Albano è di circa 90000 tonnellate. Roma produce quasi 2465 tonnellate al giorno che diventano circa 1650 di rifiuti conferiti. Ci sembra che questa soluzione non risolva proprio nulla. Il problema è appunto l’incapacità di Roma di aumentare la raccolta differenziata.

Banner Muccheria

Solo con l'aumento della raccolta differenziata, si può pensare - di concerto con la cittadinanza - ad un sistema di impianti leggeri, pubblici e diffusi sul territorio. Oltretutto, il principio della prossimità nella gestione dei rifiuti è valido sia in entrata che in uscita, a dimostrazione del fatto che le nostre proposte convengono anche - e forse soprattutto - ai cittadini romani.

freeTime giugno2021

Tra forze del territorio non è utile alla causa dividerci, seguendo il cosiddetto fenomeno NIMBY (‘not in my backyard’, non nel mio giardino). La verità è che siamo tutti nella stessa barca, perché tutte le province del Lazio e anche altre Regioni sono soggette all’export di rifiuti da parte della Capitale, incapace a darsi una propria autosufficienza”.

 

colline centroestivo2 ilmamilio


Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna