Covid, Vaia (Spallanzani): "Mille contagi grande alert, ma non siamo nella seconda fase"

Pubblicato: Domenica, 23 Agosto 2020 - redazione attualità

Roma, bollettino Spallanzani: "41 i positivi ricoverati, 4 in ...ROMA (attualità) - Le parole del direttore sanitario

ilmamilio.it

"Mille contagi di oggi ci dicono grande attenzione, grande alert, ma non ci dicono che siamo in una tragedia e soprattutto non ci dicono che siamo nella seconda fase. La seconda fase non è ineluttabile". Lo ha detto il direttore sanitario dell'Istituto Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, intervenuto all'incontro dialogo sul Covid-19 con il direttore del Tg3 Mario Orfeo nella Sala delle Colonne di Vico Equense (Napoli).

sportage agosto ilmamilio

"Io sono stato e resto sempre contrario a interventi di lockdown, anche se riconosco che il lockdown in Italia ha dato un risultato e che in quel periodo probabilmente era necessario. Ma a valle di quel periodo il lockdown non serve a molto. Quei governatori che si esercitano in queste minacce secondo me si rendono responsabili, soprattutto di fronte ai più giovani, di un delitto, che è il delitto della sequela post Covid". "Ai giovani bisogna parlare molto chiaramente - ha aggiunto Vaia - e bisogna dar loro speranza. Noi non abbiamo bisogno di lockdown, abbiamo bisogno dello spirito che gli italiani hanno messo in campo durante quel periodo. Se penso a quando uscivo dalla mia stanza alle 7 di sera e sentivo alle finestre cantare l'Inno di Mameli o Nessun dorma, ancora oggi ho i brividi. Era quello lo spirito giusto in cui ciascuno faceva la sua parte". 

tomasi

"Al di là del numero dei contagiati, da gennaio a oggi è cambiata la carta d'identità del contagiato. Da gennaio a maggio era il contagiato aveva un'età media tra i 60 e i 65 anni, era una persona fragile, aveva patologie cronico-degenerative, c'erano anche persone giovani ma comunque molto fragili, con patologie importanti. Oggi la carta d'identità è molto cambiata: siamo passati a una media di 34 anni". "Oggi - ha aggiunto Vaia - il contagiato, non il paziente, è una persona prevalentemente giovane, che torna da un altro Paese o da un'area geografica italiana precisa come la Sardegna. Questi giovani oggi sono i diffusori del contagio e sono quelle persone che paradossalmente, pur essendo asintomatici o pochissimo sintomatici, possono essere pericolosi per coloro che hanno invece dei problemi. Il rischio in questo momento è che questi giovani, dopo essere stati molto attenti alle procedure, se in questa fase non dovessero rigidamente autoisolarsi fiduciariamente, possono diventare pericolosi per i propri genitori e per i propri nonni".

zoccolotti

borelli

banner croce ilmamilio

banner danilostaccoli

 

 


Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna