I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Pomezia, Fucci: "La Eco X non ha bonificato. La Regione Lazio riscuota la fidejussione e provveda a mettere in sicurezza il sito"

POMEZIA (attualità) - Una nota inviata questa mattina dal sindaco pometino

ilmamilio.it - comunicato stampa

Il sindaco di Pomezia Fabio Fucci ha inviato questa mattina una nota alla Regione Lazio in cui richiede all’Ente regionale di provvedere alla messa in sicurezza e alla bonifica del sito Eco X andato in fiamme a maggio scorso (LEGGI l'articolo del 5 maggio).

Già il 10 maggio il Sindaco aveva emesso un’ordinanza, a cui è seguita una diffida il 17 agosto scorso, che imponeva alla ditta proprietaria del sito di provvedere al puntellamento e transennamento delle zone a rischio crollo, al trattamento dei manufatti in cemento amianto, alla bonifica da concordare con il N.O.E. dei Carabinieri e all’esecuzione di tutte le procedure di prevenzione indicate dalla Asl Roma 6, quali tenere costantemente bagnato il sito. Da un sopralluogo effettuato l’8 settembre scorso dalla Polizia Locale e dall’Ufficio Ambiente risulta l’inottemperanza dell’ordinanza in oggetto.

“La Regione Lazio è l’Ente beneficiario della polizza fidejussoria stipulata dalla ditta Eco X a garanzia degli obblighi sullo smaltimento dei rifiuti – spiega il Sindaco Fabio Fucci –. Ciò significa che, in caso di inadempienze del contraente, è la Regione a riscuotere i soldi della polizza necessari a provvedere allo smaltimento dei rifiuti, alla messa in sicurezza, alla bonifica e al ripristino ambientale. Dal momento che la società, nel corso di questi mesi, non ha provveduto a rimuovere i rifiuti né tantomeno a predisporre un piano di bonifica, è necessario che le istituzioni preposte intervengano al più presto. Il sito è ancora sotto sequestro, ma chiediamo con urgenza alla Regione Lazio di predisporre tutti gli atti necessari ad avviare l’iter per la bonifica del sito andato distrutto, a garanzia della salute pubblica e del territorio”.

ioLeggo1