I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

La Strage di Via D’Amelio tra misteri e memoria condivisa. Lo Stato commemora, ma abbiamo bisogno della verità - VIDEO

ACCADDE OGGI – 25 anni fa la strage che uccise Paolo Borsellino e gli gli agenti di scorta

ilmamilio.it


Il 19 luglio 1992, quando l’orologio di una calda domenica d'estate si approssimava verso lo scoccare delle 17, una Fiat 126  (precedentemente rubata), contenente circa 90 chilogrammi di esplosivo (il Semtex-H) telecomandati a distanza, esplose in via Mariano D'Amelio 21 a Palermo, sotto il palazzo dove viveva la madre di Paolo Borsellino, presso la quale il giudice si era recato in visita.

Via D'Amelio era la stessa strada in cui fu preparata un’altra 126: quella che fece saltare in aria Rocco Chinnici (l’ideatore del ‘pool antimafia’) con la sua scorta e un portiere dello stabile il 29 luglio 1983 in Via Federico Pipitone, sempre nel capoluogo siciliano. 

La deflagrazione trasformò quel pezzo di città in uno scenario infernale, fatto di auto distrutte, altre che continuavano a bruciare e scoppiavano, persone e abitanti che urlavano e chiedevano aiuto. L'esplosione causò inoltre danni ingenti agli edifici e agli esercizi commerciali.

Le macchine, a Via D'Amelio, non avrebbero dovuto esserci. Essendo un sito sensibile, la strada era considerata pericolosa in quanto molto stretta, tanto che era stato chiesto alle autorità di vietare il parcheggio di ogni veicolo. Una richiesta disattesa e fatale. Antonino Caponnetto, già capo del Pool, giunto sul luogo della carneficina, affermò "È finito tutto!". Successivamente, in un intervista rilasciata al giornalista Gianni Minà, dichiarò: «Era un momento particolare, di sgomento, di sconforto. Ero appena uscito dall'obitorio dove avevo baciato per l'ultima volta la fronte ancora annerita di Paolo. Quindi è umanamente comprensibile quel mio momento di cedimento, forse non scusabile, ma comprensibile. In quel momento avrei dovuto - avevo l'obbligo, forse, e avrei dovuto sentirlo quest'obbligo - di raccogliere la fiaccola che era caduta dalle mani di Paolo e di dare coraggio, di infondere fiducia a tutti. E invece furono i giovani di Palermo a dare coraggio a me, che trovai dopo pochi minuti in piazza del tribunale. Mi si strinsero attorno con rabbia, con dolore, con determinazione, con fiducia, con speranza. E allora capii quanto avevo sbagliato nel pronunciare quelle parole e quanto bisognava che io operassi per farmele perdonare: operassi per continuare l'opera di Giovanni e Paolo”.

La reazione della città di fronte alla morte di Borsellino fu straordinaria, passionale, commuovente. I funerali delle vittime della strage si trasformarono in un impeto di rabbia che ancora oggi ha mantenuto, riguardandolo, la sua forza e la sua emotività. Un'intera comunità alzò la testa, contro le autorità e contro la politica che aveva permesso che le strade diventassero una Via Crucis di massacri.

Quando saltò in aria  via D’ Amelio, lo stesso Paolo Borsellino era consapevole che sarebbe stato ucciso. Lo sapevamo i giornalisti, lo sapevano nel Palazzo di Giustizia, lo sapevano a Palermo. Eppure accadde.

A distanza di 25 anni non si è ancora scoperta la verità su quei giorni. Chi accelerò il meccanismo che portò alla strage di Via D’Amelio? Dov’è finita l’Agenda Rossa? Chi furono i mandanti dell’eccidio. Troppe domande. Troppi misteri inquietanti, ma de ricercare.

Assieme al giudice antimafia morirono Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, umili e speciali servitori della legalità e dello Stato. Quello stesso Stato che oggi commemora i morti, ma che dovrebbe impegnarsi con energia sopratutto per scoprire finalmente ciò che non è stato possibile accertare con chiarezza fino ad oggi. Uno Stato su cui sono state gettate ombre inquietanti perché in quella estate del 1992 non tutti fecero il proprio dovere o quanto meno non fu fatto abbastanza per garantire l’ordine e frenare l’assalto mafioso alle istituzioni, esponendo i massimi rappresentanti della giustizia alla morte e al sacrificio. Va detto e va scritto. Per non lasciare che la memoria si banalizzi e si disperda.

.

 


Di seguito riportiamo il ricordo della strage di Via D’Amelio di Manfredi Borsellino (figlio del magistrato), tratto dal volume "Era d'estate"

Ho iniziato a piangere la morte di mio padre con lui accanto, mentre vegliavamo la salma di Falcone nella camera ardente allestita all'interno del Palazzo di Giustizia. Non potrò mai dimenticare che quel giorno piangevo la scomparsa di un collega ed amico fraterno di mio padre ma in realtà è come se con largo anticipo stessi già piangendo la sua.

Dal 23 maggio al 19 luglio divennero assai ricorrenti i sogni di attentati e scene di guerra nella mia città ma la mattina rimuovevo tutto, come se questi incubi non mi riguardassero e soprattutto non riguardassero mio padre, che invece nel mio subconscio era la vittima. Dopo la strage di Capaci, eccetto che nei giorni immediatamente successivi, proseguii i miei studi, sostenendo gli esami di diritto commerciale, scienze delle finanze, diritto tributario e diritto privato dell'economia. In mio padre avvertivo un graduale distacco, lo stesso che avrebbero percepito le mie sorelle, ma lo attribuivo (e giustificavo) al carico di lavoro e di preoccupazioni che lo assalivano in quei giorni. Solo dopo la sua morte seppi da padre Cesare Rattoballi che era un distacco voluto, calcolato, perché gradualmente, e quindi senza particolari traumi, noi figli ci abituassimo alla sua assenza e ci trovassimo un giorno in qualche modo "preparati" qualora a lui fosse toccato lo stesso destino dell'amico e collega Giovanni.

La mattina del 19 luglio, complice il fatto che si trattava di una domenica ed ero oramai libero da impegni universitari, mi alzai abbastanza tardi, perlomeno rispetto all'orario in cui solitamente si alzava mio padre che amava dire che si alzava ogni giorno (compresa la domenica) alle 5 del mattino per "fottere" il mondo con due ore di anticipo.


In quei giorni di luglio erano nostri ospiti, come d'altra parte ogni estate, dei nostri zii con la loro unica figlia, Silvia, ed era proprio con lei che mio padre di buon mattino ci aveva anticipati nel recarsi a Villagrazia di Carini dove si trova la residenza estiva dei miei nonni materni e dove, nella villa accanto alla nostra, ci aveva invitati a pranzo il professore "Pippo" Tricoli, titolare della cattedra di Storia contemporanea dell'Università di Palermo e storico esponente dell'Msi siciliano, un uomo di grande spessore culturale ed umano con la cui famiglia condividevamo ogni anno spensierate stagioni estive.

Mio padre, in verità, tentò di scuotermi dalla mia "loffia" domenicale tradendo un certo desiderio di "fare strada" insieme, ma non ci riuscì. L'avremmo raggiunto successivamente insieme agli zii ed a mia madre. Mia sorella Lucia sarebbe stata impegnata tutto il giorno a ripassare una materia universitaria di cui avrebbe dovuto sostenere il relativo esame il giorno successivo (cosa che fece!) a casa di una sua collega, mentre Fiammetta, come è noto, era in Thailandia con amici di famiglia e sarebbe rientrata in Italia solo tre giorni dopo la morte di suo padre.

Non era la prima estate che, per ragioni di sicurezza, rinunciavamo alle vacanze al mare; ve ne erano state altre come quella dell'85, quando dopo gli assassini di Montana e Cassarà eravamo stati "deportati" all'Asinara, o quella dell'anno precedente, nel corso della quale mio padre era stato destinatario di pesanti minacce di morte da parte di talune famiglie mafiose del trapanese.
Ma quella era un'estate particolare, rispetto alle precedenti mio padre ci disse che non era più nelle condizioni di sottrarsi all'apparato di sicurezza cui, soprattutto dolo la morte di Falcone, lo avevano sottoposto, e di riflesso non avrebbe potuto garantire a noi figli ed a mia madre quella libertà di movimento che negli anni precedenti era riuscito ad assicurarci. 

Così quell'estate la villa dei nonni materni, nella quale avevamo trascorso sin dalla nostra nascita forse i momenti più belli e spensierati, era rimasta chiusa. Troppo "esposta" per la sua adiacenza all'autostrada per rendere possibile un'adeguata protezione di chi vi dimorava.
Ricordo una bellissima giornata, quando arrivai mio padre si era appena allontanato con la barchetta di un suo amico per quello che sarebbe stato l'ultimo bagno nel "suo" mare e non posso dimenticare i ragazzi della sua scorta, gli stessi di via D'Amelio, sulla spiaggia a seguire mio padre con lo sguardo e a godersi quel sole e quel mare.

Anche il pranzo in casa Tricoli fu un momento piacevole per tutti, era un tipico pranzo palermitano a base di panelle, crocché, arancine e quanto di più pesante la cucina siciliana possa contemplare, insomma per stomaci forti.

Ricordo che in Tv vi erano le immagini del Tour de France ma mio padre, sebbene fosse un grande appassionato di ciclismo, dopo il pranzo, nel corso del quale non si era risparmiato nel "tenere comizio" come suo solito, decise di appisolarsi in una camera della nostra villa. In realtà non dormì nemmeno un minuto, trovammo sul portacenere accanto al letto un cumulo di cicche di sigarette che lasciava poco spazio all'immaginazione.

Dopo quello che fu tutto fuorché un riposo pomeridiano mio padre raccolse i suoi effetti, compreso il costume da bagno (restituitoci ancora bagnato dopo l'eccidio) e l'agenda rossa della quale tanto si sarebbe parlato negli anni successivi, e dopo avere salutato tutti si diresse verso la sua macchina parcheggiata sul piazzale limitrofo le ville insieme a quelle della scorta. Mia madre lo salutò sull'uscio della villa del professore Tricoli, io l'accompagnai portandogli la borsa sino alla macchina, sapevo che aveva l'appuntamento con mia nonna per portarla dal cardiologo per cui non ebbi bisogno di chiedergli nulla. Mi sorrise, gli sorrisi, sicuri entrambi che di lì a poche ore ci saremmo ritrovati a casa a Palermo con gli zii.

Ho realizzato che mio padre non c'era più mentre quel pomeriggio giocavo a ping pong e vidi passarmi accanto il volto funereo di mia cugina Silvia, aveva appena appreso dell'attentato dalla radio. Non so perché ma prima di decidere il da farsi io e mia madre ci preoccupammo di chiudere la villa. Quindi, mentre affidavo mia madre ai miei zii ed ai Tricoli, sono salito sulla moto di un amico d'infanzia che villeggia lì vicino ed a grande velocità ci recammo in via D'Amelio.

Non vidi mio padre, o meglio i suoi "resti", perché quando giunsi in via D'Amelio fui riconosciuto dall'allora presidente della Corte d'Appello, il dottor Carmelo Conti, che volle condurmi presso il centro di Medicina legale dove poco dopo fui raggiunto da mia madre e dalla mia nonna paterna.
Seppi successivamente che mia sorella Lucia non solo volle vedere ciò che era rimasto di mio padre, ma lo volle anche ricomporre e vestire all'interno della camera mortuaria. Mia sorella Lucia, la stessa che poche ore dopo la morte del padre avrebbe sostenuto un esame universitario lasciando incredula la commissione, ci riferì che nostro padre è morto sorridendo, sotto i suoi baffi affumicati dalla fuliggine dell'esplosione ha intravisto il suo solito ghigno, il suo sorriso di sempre; a differenza di quello che si può pensare mia sorella ha tratto una grande forza da quell'ultima immagine del padre, è come se si fossero voluti salutare un'ultima volta.

La mia vita, come d'altra parte quella delle mie sorelle e di mia madre, è certamente cambiata dopo quel 19 luglio, siamo cresciuti tutti molto in fretta ed abbiamo capito, da subito, che dovevamo sottrarci senza "se" e senza "ma" a qualsivoglia sollecitazione ci pervenisse dal mondo esterno e da quello mediatico in particolare. Sapevamo che mio padre non avrebbe gradito che noi ci trasformassimo in "familiari superstiti di una vittima della mafia", che noi vivessimo come figli o moglie di ....., desiderava che noi proseguissimo i nostri studi, ci realizzassimo nel lavoro e nella vita, e gli dessimo quei nipoti che lui tanto desiderava. A me in particolare mi chiedeva "Paolino" sin da quando avevo le prime fidanzate, non oso immaginare la sua gioia se fosse stato con noi il 20 dicembre 2007, quando è nato Paolo Borsellino, il suo primo e, per il momento, unico nipote maschio. 

Oggi vorrei dire a mio padre che la nostra vita è sì cambiata dopo che ci ha lasciati ma non nel senso che lui temeva: siamo rimasti gli stessi che eravamo e che lui ben conosceva, abbiamo percorso le nostre strade senza "farci largo" con il nostro cognome, divenuto "pesante" in tutti i sensi, abbiamo costruito le nostre famiglie cui sono rivolte la maggior parte delle nostre attenzioni come lui ci ha insegnato, non ci siamo "montati la testa", rischio purtroppo ricorrente quando si ha la fortuna e l'onore di avere un padre come lui, insomma siamo rimasti con i piedi per terra.
E vorrei anche dirgli che la mamma dopo essere stata il suo principale sostegno è stata in questi lunghi anni la nostra forza, senza di lei tutto sarebbe stato più difficile e molto probabilmente nessuno di noi tre ce l'avrebbe fatta.

Mi piace pensare che oggi sono quello che sono, ovverosia un dirigente di polizia appassionato del suo lavoro che nel suo piccolo serve lo Stato ed i propri concittadini come, in una dimensione ben più grande ed importante, faceva suo padre, indipendentemente dall'evento drammatico che mi sono trovato a vivere.

D'altra parte è certo quello che non sarei mai voluto diventare dopo la morte di mio padre, ovverosia una persona che in un modo o nell'altro avrebbe "sfruttato" questo rapporto di sangue, avrebbe "cavalcato" l'evento traendone vantaggi personali non dovuti, avrebbe ricoperto cariche o assunto incarichi in quanto figlio di .... o perché di cognome fa Borsellino. (…)

Ai miei figli, ancora troppo piccoli perché possa iniziare a parlargli del nonno, vorrei farglielo conoscere proprio tramite i suoi insegnamenti, raccontandogli piccoli ma significativi episodi tramite i quali trasmettergli i valori portanti della sua vita.

Caro papà, ogni sera prima di addormentarci ti ringraziamo per il dono più grande, il modo in cui ci hai insegnato a vivere”

 

 

Primo piano

Lo Sport

:: ATTUALITA' ::

FOTO - Nemi, la visita degli influencer Estetica Cinica e Paolo Stella con il Touring Club

  NEMI (attualità) - Una tappa del loro Megatour   ilmamilio.it    Quest'estate i famosi influencer Estetista Cinica e Paolo Stella si sfideranno a colpi di foto girando...

Colonna, violato da due persone un secchione per la raccolta degli abiti usati. Il Comune chiede collaborazione ai cittadini

COLONNA (attualità) - "Chiunque abbia visto qualcosa è pregato di fornire informazioni ai vigili urbani"   ilmamilio.it   "Stamane a Colonna due persone hanno violato il secchione per la...

A Colonna film pluripremiati al “Drive-In”

COLONNA (eventi) - La programmazione ci sarà fino al 30 agosto.​ L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Colonna ilmamilio.it  La novità dell’estate 2020 continua a dare grandi emozioni...

Monte Porzio Catone: disservizi idrici, Pulcini bacchetta Acea

MONTE PORZIO CATONE (attualità) - Il sindaco ha firmato una lettera in cui evidenzia la situazione di criticità  ilmamilio.it  Il sindaco di Monte Porzio Catone, Massimo Pulcini, ha firmato una...

Amantea, i migranti positivi a Covid trasferiti al Celio di Roma

  ROMA (attualità) - La decisione presa nella giornata ilmamilio.it "Secondo la disposizione del Viminale, il trasferimento dei 13 migranti da Amantea al Celio di Roma avverrà questa sera,...

Covid, Test sierologici: nel Lazio dopo due mesi raggiunta quota 187mila. I risultati

ROMA (attualità) - oltre 115 mila tra operatori sanitari e forze dell'ordine. ilmamilio.it Test sierologici, il bilancio dei primi due mesi di attività nel Lazio è il seguente: eseguiti 187498...

Ondate di calore: capiamo che cosa sono, quando si verificano e qual è la struttura sinottica che le determina

ROMA (meteo) - Un fenomeno molto diffuso soprattutto in questo periodo ilmamilio.it - contenuto esclusivo La OMM (Organizzazione Mondiale della Meteorologia) non fornisce una definizione standard...

Agricoltura, al Centro agroalimentare di Roma nuove insegne per valorizzare banchi a chilometro zero

  ROMA (attualità) – 2 milioni e mezzo di quintali, proviene dalle campagne laziali.   ilmamilio.it   Almeno un quarto dell’ortofrutta che passa ogni anno per il...

Roma, il 24 Luglio una fiaccolata per ricordare Mario Cerciello Rega

ROMA (attualità) - La cerimonia nel luogo dove fu ucciso ilmamilio.it Il Sindacato Italiano Militare Carabinieri e la Segreteria Regionale per il Lazio hanno organizzato per il 24 luglio 2020 alle...

Coronavirus, Pomezia: 62 cittadini guariti, salgono a 8 le persone positive.

  POMEZIA (attualità) - Il Comune aggiorna i dati ilmamilio.it Salgono a 62 i cittadini guariti nel nostro Comune, ma aumentano anche le persone positive al Covid: negli ultimi giorni si sono...

Ariccia, cinghiali a passeggio a Montegentile

ARICCIA (attualità) - Resta attuale la problematica della frequente presenza di cinghiali nella zona alta di Ariccia, a ridosso di via dei Laghi ilmamilio.it  Ancora avvistamenti di grossi...

Coronavirus, in Italia 114 casi e 14 decessi nelle ultime 24 ore. Calano le terapie intensive

ROMA (attualità) - Cala anche la cifra dei positivi attuali ilmamilio.it Continuano a scendere i casi nuovi di contagio da coronavirus: oggi sono 114 (169 ieri) per un totale di 243.344 positivi....

Marino, transita con il monopattino elettrico sulla Via Appia: multato

Marino (attualità) - Per l'uomo è scattata la sanzione da parte dei Carabinieri del nucleo radiomobile di Castel Gandolfo  ilmamilio.it Un cittadino romeno di 35 anni è stato multato per la...

Il trading di Bitcoin è diverso dall'acquisto della criptovaluta

ROMA (attualità) - Differenze e similitudini tra i due enti ilmamilio.it Bitcoin è una valuta virtuale che ha colpito l'oro negli ultimi tempi perché il suo valore si è notevolmente apprezzato...

:: EVENTI ::

A Colonna film pluripremiati al “Drive-In”

COLONNA (eventi) - La programmazione ci sarà fino al 30 agosto.​ L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Colonna ilmamilio.it  La novità dell’estate 2020 continua a dare grandi emozioni...

Genzano, a Casa Mamre "QUESTO MARE È PIENO DI VOCI". Musiche e parole dal Mediterraneo e oltre

GENZANO (attualità) - presso le Suore dell’Assunzione ilmamilio.it Si terrà sabato 25 luglio 2020, nella splendida cornice di Casa Mamre, un antico convento del 1600 affacciato sul lago di...

Marino, Teatro in Cavea: Artemista ha proposto il saggio di pregio di Achille Campanile “Il povero Piero”

Marino (eventi) -  Diretto da Sabina Barzilai (Teatro Vittoria) di Marino, interpretato dal corso di Formazione ilmamilio.it Certo è teatro. Ma, ugualmente, e molto apprezzato, ad aprire la scena...

Marino: a BiblioPop successo di partecipazione per incontro sui rifiuti

  MARINO (attualità) - Tanti i relatori presenti all'appuntamento ilmamilio.it - nota stampa Riceviamo e pubblichiamo: "La preparazione era stata chiara: ci incontreremo ma in sicurezza. Per...

Ariccia, fine settimana col Mercato Contadino e l'iniziativa gastronomica con i rifugiati siriani della cooperativa Hummustown

  ARICCIA (attualità) - Il Parco si apre alla solidarietà e al sociale   ilmamilio.it   Altra puntata speciale questo fine settimana con il Mercato Contadino di Ariccia, presso...

Frascati, nel fine settimana gli aperitivi in vigna con il Frascati docg all'azienda " Poggio agli Ulivi"

  FRASCATI (attualità) - Le parole di Oreste Molinari   ilmamilio.it   Da questo venerdì inizia la serie di incontri enogastronomici, con l'aperitivo nei vigneti frascatani, presso...

:: Benessere ::

Benessere: 4 italiani su 10 in lotta col peso

FRASCATI (benessere) - È la fotografia della popolazione italiana adulta e anziana scattata dai Sistemi di sorveglianza Passi e Passi d'Argento 2016-2019 ilmamilio.it - contenuto esclusivo Fanno scarsa attività fisica, mangiano poca frutta...

:: Pazzi di serie & Cinema ::

"Odio l'estate": Aldo, Giovanni e Giacomo tornano alle origini. Con buoni risultati

ROCCA PRIORA (cinema) - A quattro anni dal loro ultimo film ilmamilio.it - contenuto esclusivo Il ritorno di Aldo, Giovanni e Giacomo. Dopo quattro anni dal loro ultimo film torna al cinema...