I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Ciampino, Silvia: “Io, giovane, non ho resistito al richiamo della vigna”

CIAMPINO (attualità) - La storia di giovani agricoltori che trovano una via di sviluppo

ilmamilio.it 

Ai Castelli Romani piccoli agricoltori crescono. Silvia Brannetti non ha resistito al richiamo del vigneto e, pur facendo altro nella vita, ha mollato tutto per dedicarsi alla azienda di famiglia, a Ciampino, a due passi dall'Appia Antica. Una scelta affatto scontata, di personalità, e dal grande significato simbolico per un intero territorio, come quello castellano, che dovrebbe fare dell'agricoltura e della natura, veri e propri cavalli di battaglia.

“La mia decisione è stata istintiva dopo anni di studi in tutt'altro campo - spiega Silvia -. Ho seguito il richiamo della vigna, nel vero senso del termine: sono molto legata al vigneto della mia famiglia e inoltre il vino mi ha sempre affascinato molto, quindi ho deciso di tentare. All'inizio non è stato facile ritagliarmi i miei spazi, essendo l'azienda di famiglia, ma ora che ci sono riuscita mi diverto molto e mi appassiono sempre di più anche se il lavoro è faticoso”.

A proposito di lavoro, siamo in piena vendemmia. E le sensazioni di Silvia sono chiare: “E' iniziata molto presto quest'anno, come anche l'anno scorso, ma per motivi diversi. Le aspettative sono difficili da riassumere: nella fase di maturazione delle uve sono intervenute molte piogge abbondanti che portano in vigna segni di marciume. Per questo noi abbiamo iniziato a raccogliere così presto: per preservare lo stato sanitario delle uve prima della possibile comparsa di marciumi. Quindi per fortuna lavoriamo su frutti di ottima qualità. Ora vediamo come vanno le fermentazioni, ma io mi sento ottimista”. In bocca al lupo.

Clicca sull'immagine per scoprire Natura e architettura

 
 

frascati rugby club2018