I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata: Marco Bosso riconsegna le deleghe consiliari e riforma il gruppo "Con Voi"

bosso andreottiGROTTAFERRATA (politica) - Strappo dell'esperto consigiere comunale che si sbarazza del controllo sull'Attuazione del programma e ricostiusce il gruppo della lista con cui era stato eletto prima di confluire nella lista del sindaco

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

primi si diventa

Per il sindaco Luciano Andreotti, a 14 mesi dal suo insediamento, iniziano le montagne russe. Se poi saranno quelle di Valmontone, dove è di casa, o quelle di Castel Romano, staremo a vedere gli ultimi accadimenti di questi giorni consigliano al primo cittadino tanto, tanto sangue freddo. Dote di cui, va detto, Andreotti non è carente.

Con comunicazione di 3-4 giorni fa Marco Bosso, consigliere comunale eletto nelle file di "Con Voi" e poi passato insieme a Francesca Maria Passini (attuale presidente del Consiglio comunale) nella lista "Andreotti sindaco" proprio per dare più corpo e robustezza a quest'ultima, ha rimesso le sue deleghe consiliari nelle mani del sindaco. Tra queste figura quella, politicamente significativa, all'attuazione del programma di governo.

ashtanga yoga ilmamilio

 

 

 

 

 

 

 

 

Non solo. Proprio oggi, Marco Bosso ha comunicato di uscire dal gruppo della lista "Andreotti sindaco" e di tornare nel gruppo di origine, col quale era stato eletto, "Con Voi", ridando dunque corpo ad una lista che dal Consiglio era formalmente "sparita" in occasione della seduta di insediamento dell'allora Assise dei neo eletti. Nella lista di origine Bosso è dunque l'unico dei componenti e il naturale capogruppo.

Una volta le chiamavano "Bossate" e sembrebbe proprio che i tempi non siano così mutati.

natura architettura1

doffizi2

 

 

 

 

 

Quali che siano le reali intenzioni dell'ex assessore al Bilancio di Mauro Ghelfi non è ancora dato a sapersi anche se appare evidente che la riconsegna delle deleghe sottintenda un certo malconento nella gestione delle dinamiche amministrative da parte del sindaco Andreotti. Dietro l'angolo potrebbe esserci, banalmente, la richiesta di un assessorato e proprio in tal senso potrebbe essere letta la ricostituzione del gruppo "Con voi". Certo è che Bosso - di cui tutto politicamente si può dire tranne che sia uno sprovveduto - con questo passo mette pressione al suo sindaco ed allo stesso tempo si smarca da altri consiglieri comunali diventando, di fatto, un battitore libero.

Appare d'altra parte evidente che il sindaco non possa cedere all'eventuale richiesta di un posto in Giunta di un nome indicato da Bosso in primis per non toccare i delicati e sofferti equilibri raggiunti ed in secondo istanza per no trovarsi poi travolto da simili richieste provenienti da altre componenti della sua variegata e strutturalmente instabilie (seppur, tolti 2-3 elementi, inesperta) maggioranza.

Sono quindi 2 ora i consiglieri di maggioranza con un mal di pancia conclamato e dei quali Andreotti deve prendere atto: il baby Federico Pompili, che prima delle vacanze un paio di bordate le ha lanciate (LEGGI Grottaferrata: il Fronte sovranista pronto ad "entrare" in Consiglio con Federico Pompili?) e per l'appunto oggi Marco Bosso. Un Bosso che oggi è anche assessore in Comunità montana con delega a Sviluppo economico, Energia, Sostenibilità e Ict.

Se sarà vero strappo potremo capirlo solo nei prossimi giorni.

bcc mutuo

frascati rugby club2018

 

 

 

Commenti   

0 #1 grottaferratamia 2018-09-13 13:16
magari non è uno strappo, ma di certo non è un avvicinamento
Citazione