I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

DALLA NORD - Lazio, contano solo i 3 punti. Ma è vera mini crisi

nord lazio frosinone ilmamilioROMA (calcio) - Mancano gioco, intensità e lucidità. E i big sono ancora lontani

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

se la sai ilmamilio

Tre punti che, di fatto, a parte qualche altro significativo dato positivo rappresentano l'unica vera cosa importante della terza di campionato.

Luis Alberto gol e per una Lazio che si conferma ancora in crisi sul piano del gioco e della determinazione, sono 3 punti d'oro contro un Frosinone che ha avuto il torto di non credere di poter compiere la piccola impresa della domenica.

Per il resto è ancora notte, notte fonda.

Su tutto, però, il dovuto commosso ricordo per Mario Facco, il terzino della Lazio campione d'Italia nel cui ricordo lo stadio Olimpico si è stretto in un lungo applauso. Oggi alle 16 le esequie.

 

 

 

 

 

 

Una gara aperta dall'assenza del nucleo degli Irriducibili, polemicamente rimasto fuori la Curva Nord e con le prime famigerate 10 file (quelle nelle quali come noto non sono ammesse le donne) rimaste vuote per i primi 35 minuti di gara.

Nel frattempo, mentre la Curva comunque incitava i suoi, la Lazio si vedeva annullare un gol a Milinkovic per un fuorigioco la cui analisi è durata almeno 3 minuti (2 soli recuperati), centrava il palo col colpo di testa di Parolo e dilapidava due enormi occasioni con Milinkovic ed Immobile. Poi, in avvio di ripresa, il gol vittoria e il gol scacciapensieri.

La mini crisi di gioco, di intensità e di lucidità dei biancocelesti di un Inzaghi più nervoso del solito prosegue. Perché Milinkovic - seppur in crescita - deve fare molto di più, perché Luis Alberto se non avesse segnato avrebbe meritato una precoce uscita dal campo e perché il meccanismo ancora non gira come dovrebbe.

D'accordo le marcature asfissianti dei ciociari, ma una Lazio qualsiasi dello scorso anno avrebbe fatto un sol boccone di un Frosinone che invece, complice il trotto lento dei biancocelesti, è incredibilmente rimasto in gara fino al 94'.

I MEGLIO - Conferme importanti per Acerbi e per Lulic ma anche per uno statuario Leiva, centopolmoni presente in ogni parte del campo.

I PEGGIO - Non decola Marusic sulla destra, che comunque mostra qualche leggero segno di miglioramento (ma davanti c'era, con tutto il rispetto, il Frosinone) e Luis Alberto è ancora lontano dalla condizione ottimale. Da rivedere ancora Wallace, autore di ottimi interventi ma anche di almeno un paio di gravi passaggi a vuoto.

INZAGHI - Il mister ha voluto capitalizzare il gol di Luis Alberto chiedendo probabilmente alla squadra di abbassare il ritmo sperando in qualche imbucata vincente che non è mai arrivata. Probabilmente, però, una chance a Correa ieri doveva essere data.

frascati rugby club2018

doffizi2