I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Ardea e Pomezia: revocato divieto balneazione. L'acqua gialla torbida era colpa delle alghe

basta divieto balneazione ilmamilioARDEA (attualità) - Arrivati gli attesi esami delle acque da parte di Arpa Lazio: nessun pericolo per i bagnanti a Pomezia ed Ardea

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Sono state revocate in questi minuti le ordinanze di divieto di balneazione a Pomezia ed Ardea. A Torvaianica e Tor San Lorenzo insomma, dopo tre giorni, si può tornare a fare il bagno.

Sono infatti arrivati, attesissimi, i risultati delle analisi effettuate da Arpa Lazio sui campioni di acqua prelevati domenica e nei giorni successivi nel tratto di mare compreso tra i fossi di Ardea e Pomezia e i risultati sono - a quanto si apprende - negativi. Il giallo-marrone delle acque, particolarmente torbide e maleodoranti, dei giorni scorsi sarebbe stato dovutoad una infiorescenza di alghe.

Nessun pericolo, dunque, per i bagnanti che in questi minuti stanno tornando in acqua dopo 3 lunghi giorni di stop.

I primi ad essere stati informati sono stati ovviamente gli stabilimenti balneari che dunque hanno rimosso la bandiera rossa di divieto di balneazione. A dire la verità nelle scorse ore alcuni frequentatori delle spiagge di Ardea e Pomezia lamentavano che nonostante il divieto in alcuni stabilimenti si continuasse addirittura a fare aqua-gym. Comunque vada, situazione di potenziale pericolo superata.

Il comunicato di Ardea

E’ stata solo una particolare fioritura di alghe quella che ha colpito, nei giorni scorsi, lo specchio di Tirreno davanti le coste di Ardea. Questo è quanto emerge dalle prime analisi di Arpa Lazio. Il sindaco di Ardea Mario Savarese ha così revocato l’ordinanza che aveva firmato nei giorni scorsi per il divieto di balneazione su tutto il territorio.

Non si è trattato dunque di un caso di inquinamento ma di un semplice fatto naturale come tanti ne stanno avvenendo in estate in Italia e, più in generale, lungo le coste del Mediterraneo. Nel dettaglio, la colorazione intensa delle acque è dovuta alla presenza di una massiccia fioritura della Raphydophicea non tossica (la Fibrocapsa japonica). Questa fioritura algale è ormai tipica in queste zone, ed è riscontrabile generalmente nei periodi estivi. E’ caratterizzata da una manifestazione intermittente in relazione a condizioni meteo climatiche favorevoli (come le alte temperature e lo scarso movimento delle acque marine).

Il fenomeno, inoffensivo per i bagnanti, tende a scomparire al mutare delle condizioni. “Tengo a rassicurare i cittadini e i villeggianti dopo le prime rassicurazioni venute da Arpa – ha detto il sindaco – Nulla di innaturale è successo sulle nostre coste: sono state semplicemente fioriture algali, fenomeni che si stanno ripetendo in riviere come quelle di Francavilla, Ortona, Capaccio, Punta Penna, Tarquinia. Già dai primi momenti l’Amministrazione comunale aveva contattato le sale operative di Idrica e di Acea, che gestiscono i depuratori di Ardea, che comunque non avevano segnalato nessun fatto anomalo nei loro impianti. Abbiamo atteso i dati di Arpa per non generare confusione e per avere la piena certezza di quanto stava avvenendo”. A seguito della revoca dell’ordinanza ritorna la possibilità di poter fare il bagno nelle aree già destinate alla balneazione.

doffizi

Il comunicato di Pomezia

Le analisi di Arpa hanno ricondotto quanto accaduto ad una massiccia fioritura di “Fibrocapsa japonica, presumibilmente responsabile della colorazione anomala (giallo-marrone)”, che per quanto naturale, si è presentata in forma estremamente estesa. "Unitamente alle indagini relative al fitoplancton è stato effettuato il monitoraggio dei parametri microbiologici indicati nel D.Lgs 116/08 al fine di valutare la qualità delle acque di balneazione a fronte del fenomeno in essere. Le analisi chimiche eseguite sui medesimi campioni, non mostrano evidenza di fenomeni di contaminazione in atto".

Il Sindaco: “Sono felice che quanto accaduto si sia risolto nel migliore dei modi e di comunicare che l’acqua di Torvaianica è sicura e pulita.” La revoca del divieto di balneazione, a seguito dell’accertamento della qualità dell’acqua effettuato, ha effetto immediato.

Per la consultazione della analisi dell'acqua effettuate da ARPA LAZIO consultare il sito:http://www.comune.pomezia.rm.it/revoca_divieto_balnezione

Ultimo aggiornamento ore 18,40