I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

E' quello di Elpidio Bucci il nuovo nome forte per il Comune di Frascati

FRASCATI (politica) - Per l'ex dirigente del Comune di Ladispoli sarebbe pronto un incarico da dirigente al Patrimonio o da capo di gabinetto

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

E' il nome del dottor Elpidio Bucci, originario di Artena, già amministratore unico della Colleferro Infrastrutture e Sviluppo e, dal novembre 2015 agli scorsi mesi dirigente del Comune di Ladispoli, il nuovo nome forte per il Comune di Frascati.

A lui sta pensando in queste settimane il sindaco Roberto Mastrosanti anche se, a quanto pare, non è ancora arrivata la fumata bianca sull'effettiva collocazione del manager.

In un primo tempo il suo posto sembrava quello di capo di gabinetto, sullo stile dell'ex braccio destro dell'ex sindaco Spalletta, Giampiero Pisciolini, ma in queste ultime ore il suo nome è stato affiancato ad una possibile dirigenza. Di fatto Elpidio Bucci a palazzo Marconi appare già di casa.

asdFrascati lunga

In quale settore?

Roberto Mastrosanti ha trovato al suo ingresso a palazzo Marconi una situazione diversa da quella che aveva lasciato, da amministratore, nel 2014. Da qui quindi la necessità di puntellare gli uffici con persone di fiducia.

Uno dei ruoli chiave in questo appare dunque, anche per quanto espressamente dichiarato nei giorni scorsi dal vice sindaco Claudio Gori (LEGGI l'articolo del 1 agosto) quello di dirigente al Patrimonio, incarico che il sindaco sarebbe pronto a "slegare" dal Bilancio, così come d'altra parte avvenuto nei giorni scorsi in occasione della composizione delle commissioni consiliari a la creazione di una 8^ commissione Patrimonio autonoma rispetto a quella del Bilancio.

giardino zen

Insomma, quando nei giorni scorsi di parlava della "fase 2", quella del repulisti (LEGGI l'articolo del 31 luglio) si intendeva anche questo. La necessità del sindaco di circondarsi di gente di fiducia per puntellare la propria gestione ed evitare di trovarsi al fianco collaboratori... infedeli.