I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata, nuovo appello per il Parco di Squarciarelli: “E’ ora di intervenire”

GROTTAFERRATA – La segnalazione: “Va riqualificato. O non ci andrà più nessuno”

ilmamilio.it

I parchi a Grottaferrata sono un problema reale da qualche anno a questa parte. Pochi quelli tutelati e custoditi. Gli altri a volte sono chiusi, sporchi, persino abbandonati o oggetto di atti di vandalismo. Un tema che dovrà necessariamente essere parte di un grande impegno da parte dell’amministrazione comunale per non disperdere un patrimonio che è anche un valore per l’aggregazione dei cittadini.

L’ultima segnalazione arriva nuovamente dal Parco di Squarciarelli (o Parco delle Rimembranza), dove un gruppo di residenti ha scritto per lanciare quello che è un grido di allarme per un’area bella, ma sofferente.

“Il Parco – scrivono – a volte è chiuso e non ne capiamo le ragioni. Tralasciando questo aspetto, da giorni, sul cippo dedicato ai Caduti, sosta una corona rinsecchita dal sole. Ci vuole molto a portarla via? Il piazzale antistante è pieno di erba, qualche panchina non è utilizzabile e i giochi per i bambini andrebbero rinnovati. I vasi di ornamento alla colonna, poi, sono tutti sguarniti. Perché? Fortunatamente il luogo non appare particolarmente sporco, ma va anche detto che sempre meno persone lo frequentano. Anzi, chiediamo alle istituzioni comunali di intervenire al più presto prima che non ci vada più nessuno. Neanche badiamo più all'area della vecchia Fonte, ormai coperta da erbacce e rovi, e comunque inutilizzabile nella sua memorabile funzione, poiché depredata dallo sviluppo edilizio e dalla scarsità idrica”.

Non è la prima volta, in questi ultimi anni, che giungono segnalazioni simili su Squarciarelli. L’augurio è quindi che chi di dovere intervenga spendendo le risorse adeguate per rilanciare questa area verde che soffre un pò il logorio del tempo e il fatto di essere un’isola inserita in un contesto di grande viabilità stradale, con pochi parcheggi prospicienti e un ambito ormai urbanizzato nella sua immediata prossimità.

giardino zen

 

Commenti   

0 #1 #stosereno 2017-08-03 13:44
tutte queste domande hanno 2 risposte.

1) perchè nessun amministratore comunale è mai veramente responsabile nel senso che se manda in malora qualcosa poi paga lui personalmente. MAI, a nessun livello. DIverso è nel privato: se mandi in malora qualcosa il propietario ne pagada DIRETTAMENTE le conseguenze.

2) perchè il degrado è un affare: ossia si manda volutamente in malora una cosa, causando un danno alla comunità, cosicchè poi si fanno i lavori straordinari affidandoli a ditte appaltanti. Il tutto ovviamente è costato di più che manutenere ma tanto paga la comunità, non i veri responsabili che è anche possibile individuare per la dispersione delle responsabilità
Citazione