I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Per info e segnalazioni contattaci via mail a redazione@ilmamilio.it oppure su whatsapp al 3319188520

---

Frascati, la risposta dell'assessore Gori su Gnam non soddisfa. Santoro (5 stelle): "Insufficiente, non dettagliata e incompleta"

FRASCATI (politica) - Patrocinio ma nessuna tassa di occupazione di suolo pubblico perché l'evento "avrebbe portato lustro alla città"

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Una interrogazione la cui risposta non ha soddisfatto i proponenti. Su Gnam!, l'evento di cibo di strada andato in scena a giugno a Villa Torlonia, la risposta fornita alla consigliera 5 stelle Lucia Santoro da parte dell'assessore Claudio Gori (Patrimonio), non è stata ritenuta sufficiente.

LEGGI Frascati: Gnam! fa il pieno di visitatori ma anche di polemiche. Di cittadini e commercianti

"In Aula - spiega proprio la Santoro - mi sono dichiarata non soddisfatta della risposta fornita dall'assessore Gori. Ha risposto solo alla domanda sul versamento dei diritti di occupazione di suolo pubblico, che sembra siano dovuti anche per Villa Torlonia nonostante sia un bene tutelato dalla ministro dei Beni culturali, ma che per un accordo intercorso con gli organizzatori dell'evento, così è stato detto in Consiglio, sembra non sia stato versato in cambio di alcuni servizi, tipo pulizia del sito, allestimento. Ma altri particolari non ne sono stati forniti".

bcc mutuoInsomma: nessun versamento della tassa di occupazione di suolo pubblico, dovuta dai comuni mortali. "L'assessore Gori - prosegue la consigliera 5 stelle - ha spiegato che nel caso di specie  hanno esentato dal pagamento della tassa Cosap perché l'evento avrebbe portato lustro e pubblicità alla città di Frascati. 

"Gori - prosegue - non ha invece risposto agli altri due quesiti: il primo relativo al rispetto delle prescrizione dettate dal Codice dei Beni culturali in particolare la norma di cui all’art. 20, ai sensi della quale, i beni culturali non possono essere adibiti ad usi non compatibili con il loro carattere storico o artistico  e l'altra relativa al rispetto delle norme in materia di igiene e sicurezza".

Un evento a carattere puramente commerciale che dunque ha ottenuto il patrocinio del Comune di Frascati ma per il quale i passaggi in Consiglio comunale potrebbero non essersi esauriti con l'interrogazione di ieri. In attesa di quella che sembra la terza edizione in ottobre.

 

doffizi

 
 

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna