I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Per info e segnalazioni contattaci via mail a redazione@ilmamilio.it oppure su whatsapp al 3319188520

---

Nomine Parchi regionali, Dessì (M5S): "Zingaretti, basta parlare di poltrone. Ascolta il territorio"

FRASCATI (politica) - Il senatore pentastellato si rivolge al presidente della Regione Lazio

ilmamilio.it - nota stampa

Caro Nicola, le ferie non sono ancora iniziate: sveglia, perché eri partito bene e, come ha detto anche ieri Roberta Lombardi in Consiglio regionale, a marzo avevi iniziato parlando di politica ed invece ora ti ritrovi già a trattare di poltrone”. Il senatore 5 stelle Emanuele Dessì torna sul tema delle nomine dei nuovi 7 presidenti di Parchi regionali stabilite dal presidente della Regione Lazio con un decreto nei giorni scorsi. “Zingaretti – prosegue il senatore pentastellato - preferisce far parlare e far rispondere le seconde linee piuttosto che sedersi ad un tavolo e, ragionevolmente, discutere insieme ai sindaci ed ai rappresentanti del territorio le scelte migliori in fatto di vertici e di dirigenti”.

bcc mutuo“Se Zingaretti non muta atteggiamento, se non accetta il confronto con i territori e con le altre parti politiche nell’individuazione delle figure migliori e condivise per la gestione degli Enti regionali, allora vorrà dire che ci sentiremo autorizzati, come hanno fatto notare proprio ieri i sindaci di Marino e Genzano (Colizza e Lorenzon) a mettere in discussione le partecipazioni e le strutture di altri enti regionali, ad iniziare dal Sistema bibliotecario dei Castelli romani (SBCR)”.

Quello che Dessì torna a sollecitare, in attesa dei successivi passaggi che dovranno ratificare le nomine dei 7 nuovi presidenti di Parco regionale (compreso quello dei Castelli romani, individuato nella figura dell’ex consigliere comunale di Frascati, Gianluigi Peduto), è dunque il confronto.

“I sindaci civici e di centrodestra dei Castelli romani hanno già accolto il nostro appello dei giorni scorsi: Mastrosanti da Frascati e D’Acuti da Monte Compatri hanno fatto sentire la loro voce. Una cosa deve essere chiara al presidente della Regione: forme di assolutismo politico come quelle che Zingaretti sta tentando di imporre non sono più accettabili e lui dovrà assumersene la responsabilità”.

doffizi

Commenti   

0 #1 Marcantonio Cervini 2018-08-10 21:49
Le parole dei politicanti parolai sono sempre le stesse...........senza alcuna eccezione.
Citazione

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna