I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Quel Marino doc tra le tante etichette del Trentino e Alto Adige. "Perché i nostri vini sono così poco diffusi?"

gottodoroMARINO (attualità) - La segnalazione di uno nostro lettore suggerisce un paio di domande decisamente interessanti. Che meriterebbero risposte

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

Da un nostro lettore in vacanza in Trentino, riceviamo e pubblichiamo.

"Gentile direttore,

le invio con un certo piacere ma anche con una punta di delusione la foto che trova in allegato.

Ho scattato questa foto in una Coop Trentino, in un paese tra la Val di Fiemme e la Val di Fassa. Ebbene, alla ricerca di vini bianchi trentini ed altoatesini di mio gusto, scorrendo i vari Chardonnay, Pinot, Müller-Thurgau e Gewürztraminer, mi sono accorto che - per scelta precisa del supermarket dove mi trovavo - i vini extra regionali erano davvero pochi. Non più di una decina.

Tra questi, da marinese, ho notato con sincero piacere un Marino doc di Gotto D'Oro, che vedrà spiccare con la sua etichetta gialla nella parte bassa della foto. Nessun altro bianco dei Castelli romani era presente.

Oltre dunque al piacere di trovare così distante dai Castelli romani un vino proveniente proprio dalle mie terre, mi sono chiesto come mai non fossero presenti altri rappresentanti della nostra bella e variegata zona di produzione che, tra l'altro, si vanta di avere una nomea ed una fama piuttosto radicate a livello internazionale.

 

 

 

 

Ho girato altri supermarket della zona e, in tutta franchezza, ho trovato situazioni molto simili a quella descritta.

Ora, pur nella certezza che i supermercati del Trentino ed Alto Adige - giustamente - puntino forte sui prodotti delle loro terre, mi vengono in mente due questioni:

1. Perché da noi è raro trovare una così ricca selezione di vini locali e non vengono attuate politiche - anche dai consorzi ma pure dalle stesse istituzioni locali - che favoriscono la promozione dei nostri prodotti?

doffizi

2. Come mai, fuori zona è così "raro" trovare vini provenienti dai Castelli romani quando sappiamo che comunque la produzione locale è ricca, variegata e ricercata e che in questi ultimi anni particolarmente ci sono decine di piccole cantine che producono vini di assoluta e riconosciuta qualità? E perché, comunque, quando troviamo un Marino, un Frascati o un Velletri fuori zona si tratta sempre di cantine da grande distribuzione?

Insomma, il senso è che quando viaggio mi piacerebbe inorgoglirmi dei prodotti della mia terra come può accadere ad un altoatesino quando entra in qualsiasi dei nostri supermercati trovando sui nostri scaffali almeno 3-4 differenti etichette di Müller-Thurgau.

Grazie per l'attenzione".

bcc mutuo

 

 

Commenti   

0 #1 michele t. 2018-08-08 21:55
Come ha notato le etichette dei vini nei supermercati, il nostro lettore avrà certamente notato anche la situazione relativa ai servizi, al decoro e alla civiltà in generale dei trentini e altoatesini. Non dovrebbe essere difficile pertanto trovare delle risposte alla sua domanda...

Risposta della redazione: qui si parla d'altro, come evidente
Citazione