I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Albano, lavori al parcheggio di Villa Ferrajoli. Addio allo "storico" campetto

ALBANO LAZIALE (attualità) - Opere di messe in sicurezza e riqualificazione delle aree circostanti la scuola Collodi. Ma sui social network è polemica.

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

“Albano, villa Ferrajoli. Sono iniziati i lavori per spostare l'uscita dall'area parcheggio Collodi”. Ad annunciarlo il consigliere comunale, Massimiliano Borelli, che negli scorsi giorni ha reso nota una opera infrastrutturale, accolta con sorrisi ma anche qualche bocca storta dalla comunità di Albano Laziale. “Il progetto che si sta portando avanti sull'area verde - spiega - è in linea con la riqualificazione e la messa in sicurezza delle aree circostanti la scuola Collodi, già avviate tempo fa, con la realizzazione del marciapiede sul lato opposto che costeggia il parco della Villa. A memoria, essendoci cresciuto e passato davanti per 14 anni della mia infanzia/adolescenza, quel triangolo di verde non è mai stato utilizzato da bambini per giochi o altro e, l'intervento in questione, non toglie spazio vitale a nessuno e non tocca un albero di quelli presenti”, ha affermato ancora Borelli.

Il progetto prevede la realizzazione di un marciapiede davanti all'uscita della scuola, rendendo sicuro il passaggio e il transito per i bambini e i genitori. Nonché la messa in sicurezza anche dell'uscita dall'area parcheggio Collodi che, “seppur non classificata parcheggio, lo è da decenni e, allo stato attuale, in attesa di ben più rosei e diversi utilizzi, risulta troppo insicura”. Il riferimento dell’esponente di maggioranza sarebbe allo storico campetto di calcio di villa Ferrajoli, che ha visto tanti cittadini tirare calci a un pallone ma che è andato nel tempo abbandonato (abbandono, a onor del vero, che si trascina da decenni) e divenuto “per consuetudine” un parcheggio.

 

asdFrascati lunga

Numerose le reazioni al post facebookiano di Borelli. Come quella di Luca Nardi, cittadino e noto esponente della società civile di Albano: “Vergognosa vicenda del "campetto" di Villa Ferrajoli (il vialetto suggella ed ufficializza una situazione che negli anni è stata sempre definita temporanea) derubricato a parcheggio, privando così la cittadinanza di uno spazio per attività sportive inserito in un quartiere ad altissima densità abitativa. Dico vergognosa perché è vergognoso che la politica non riesca a trovare una soluzione, la storia è trentennale, rispetto al problema della mobilità e dei parcheggi e che quindi ricorra come al solito alla soluzione più semplice ovvero l'abuso. Mi chiedo infatti cosa mi succederebbe se trasformassi "temporaneamente" per 20 anni un garage (tranquillo non ne posseggo uno) in una attività commerciale?”. Più malinconico un altro residente, che in albanense scrive: “Ormai non esiste piu` o campetto? Partite interminabili co chiappe intere lasciate su a pozzolana. O torneo de o Rospo....che fine ha fatto tutto questo?”. Mentre Francesca sottolinea lapidaria: “Ad onor del vero siamo stati "noi" della nostra generazione ad abbandonarlo, con l'avvento delle palestre del campo sportivo di via olivella non c'ha più giocato nessuno”.

Commenti   

0 #1 Maura Ghezzi 2017-08-02 08:54
Ecco, il campetto era già abbandonato perchè alcuni luoghi, nel tempo, perdono la loro funzione a favore di altri con buona pace degli 'storici'....più interessante la questione del quartiere di Villa Ferrajoli che se non fosse per i giardini privati, a verde è veramente messo male. Un piccolo parco gioverebbe, anche a ridosso del parcheggio con un'area giochi, possibilmnete ombreggiata e lì vicino se ne potrebbe fare qualcosa. Non occorrono sempre grandi progetti, ma anche piccoli aggiustamenti possono portare migliore qualità del vivere, Albano non ha ancora trovato la sua dimensione in questo senso, troppo termo ostaggio dei costruttori e di amministrazioni condiscendenti....
Citazione