Emergenza idrica, il ministro Galletti: "Acea ed il Comune di Roma collaborino per trovare soluzioni"

ROMA (attualità) - L'intervento nel corso dell'Audizione in commissione Ambiente

ilmamilio.it

In merito all'emergenza idrica nella Capitale ed il rischio ambientale per il lago di Bracciano "si continuerà a lavorare alla ricerca di soluzioni alternative. Quella che abbiamo trovato, grazie alla disponibilità del presidente della Regione Lazio Zingaretti, è una soluzione transitoria perché dal 1 settembre si interromperanno i prelievi dal Lago di Bracciano".

Ad affermarlo il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, durante l'Audizione della Commissione Ambiente nell'ambito dell'indagine conoscitiva sull'emergenza idrica e sulle misure necessarie per affrontarla. "Mi aspetto - ha aggiunto - che in questo mese Acea ed il Comune, trovino la soluzione affinchè dal 1 settembre la situazione non sia più emergenziale". E  ancora: "Ritengo necessari interventi funzionali a ridurre drasticamente le perdite di rete ed a mettere in sicurezza le fonti e gli acquedotti principali che alimentano Roma e i comuni limitrofi, con investimenti significativi che devono trovare spazio nel Piano Industriale aggiornato di Acea e che fino ad oggi non erano presenti". Aggiungendo: "E' di particolare importanza il raddoppio dell'acquedotto del Peschiera, opera non più rinviabile. Risulta altrettanto necessario un forte impegno da parte dell'Ente d'ambito, in qualità di soggetto pubblico regolatore e organizzatore del servizio idrico, composto da tutti i Comuni interessati, primo tra tutti il Comune di Roma".

Lo stesso ministro Galletti ha annunciato che "E' in corso "lo svolgimento di indagini da parte dei Carabinieri Forestali e del Noe sui prelievi illeciti dal Lago di Bracciano. Su tale aspetto agiremo con la massima severità per punire chi sottrae acqua preziosa al Lago".

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna