I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Per info e segnalazioni contattaci via mail a redazione@ilmamilio.it oppure su whatsapp al 3319188520

---

Ciampino, parcometri spenti. Ausiliari preoccupati ed arrabbiati: "Che fine facciamo?"

CIAMPINO (attualità) - Oggi, 10 luglio, è scaduto il contratto di servizio con la Schiaffini. Incertezza sul futuro

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

piu copiato bis

Parcometri spenti e ausiliari in ferie forzate. Appare questo il quadro a Ciampino questa mattina, 10 luglio, data di scadenza del contratto di servizio della ditta Schiaffini che fino ad oggi, in proroga al contratto scaduto nei mesi scorsi, ha gestito la sosta tariffata in città.

Se l'altro giorno, stando a quanto emerso, la destinazione finale del servizio - con possibilità di un breve periodo ponte ancora in gestione Schiaffini - sembrava essere quella di un affidamento alla Asp, oggi il quadro è di confusione totale.

Ad essere preoccupati es soprattutto arrabbiati sono in particolare i 7 ausiliari del traffico in servizio in città e che stamattina in concomitanza allo spegnimento dei parcometri (evenienza che nei giorni scorsi era stata invece esclusa...) sono stati messi per un giorno in ferie.

"Non sappiamo che fine facciamo - dice uno degli ausiliari -: questa è l'unica verità. Si è voluta rimandare ogni decisione per mesi ed ecco il risultato: siamo preoccupati, abbiamo tutti famiglie da mandare avanti e per colpa della gestione amministrativa e politica degli ultimi anni ci troviamo in questo stato". "Sapevamo che della questione si parlava ma al momento non abbiamo alcuna certezza sul nostro futuro".

Gli ausiliari che, come detto, oggi sono stati messi a riposo in concomitanza con la scadenza del contratto di servizio, sono preoccupatissimi e sono pronti a manifestare il loro disagio. "Vogliamo sapere che fine facciamo", dicono.

 

 

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna