I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Per info e segnalazioni contattaci via mail a redazione@ilmamilio.it oppure su whatsapp al 3319188520

---

Frascati e basta: uno staff di architetti per abbattere la scritta verde

FRASCATI (attualità) - Lo ha confessato il sindaco Mastrosanti in una intervista. L'obiettivo primario è rimuovere questa oscenità

ilmamilio.it - contenuto esclusivo

liberi scrivere 10

Eccola #frascatiebasta, eccola la ficcante azione amministrativa.

Il sindaco Roberto Mastrosanti lo ha confidato in una intervista uscita oggi su un noto quotidiano romano: "Toglieremo quella orrenda scritta e rimetteremo a nuovo piazza Marconi con lo sfondo di Villa Aldobrandini. Ho incaricato un gruppo di architetti che presenteranno un progetto per la risistemazione", ha confidato il primo cittadino al Messaggero.

Insomma, in soldoni: la rimozione della scritta era e resta una delle assolute priorità di questa Amministrazione comunale anche se la stessa scritta verde, emblea e segno tangibile di #quellicheceranoprima è probabilmente una delle cose più fotografate di Frascati.

La curiosità è tanta: come, quanto, a quale prezzo e soprattutto con quale formazione in campo lo staff di architetti sta pensando a come spostare la scritta e a riqualificare piazza Marconi?

E' davvero molto, molto strano, che poi si intenda investire ancora soldi sulla piazza centrale della città ignorando quanto c'è da fare per molte altre zone, ad iniziare dalle periferie. Non sono bastate le decine di migliaia di euro investiti nel restyling di piazza Marconi? Davvero bisogna spendere altri soldi e altre risorse?

Ma poi: non è vero che il progetto eseguito dall'Amministrazione Spalletta era in soldoni quello già approvato dal precedente sindaco Stefano Di Tommaso? Non è vero che dell'Amministrazione Di Tommaso faceva parte, come super assessore, anche Roberto Mastrosanti oggi sindaco? E non è vero che con Di Tommaso sindaco l'attuale delegato alla Sicurezza, Franco D'Uffizi, il primo dei nemici di #quellicheceranoprima era già consigliere delegato alla Sicurezza?

Corsi e ricorsi. Memorie troppo, troppo corte. Uno strano, stranissimo e bizzarro corto circuito che rischia di far decidere all'attuale Amministrazione comunale di Mastrosanti una misura contraria a quanto deciso, dagli stessi personaggi, 5 anni fa.

Ma sì, la demolizione della scritta verde era e resta la priorità per Frascati.

Siamo seri.

petra febb2018

 

 

 

Commenti   

0 #4 Ida Mari 2018-06-14 13:24
Lasciamo la scritta che piace a molti bambini e ragazzi : toglierla è un modo di comunicare loro, per l'ennesima volta, che non importa a nessuno delle loro opinioni...è giocosa e la villa resta estremamente bella e severa con tutta la scritta. Quella rappresenta un'epoca, la scritta un'altra, poi andiamo negli altri Paesi a lodare le piazze antiche abitate da sculture moderne, mah!
Citazione
0 #3 Alberto 2018-06-13 22:45
Uno staff di architetti per rimuovere e riposizionare la scritta!!! da Architetto è offensivo sentire certe affermazioni……(quanti architetti ci vogliono per spostare una scritta……) …credo che investire altri soldi per la modifica di un opera pubblica appena realizzata porti dritto dritto ad una denuncia alla corte dei conti, forse sarebbe meglio destinare meglio i denari pubblici invece di correre dietro ale chiacchiere da BAR
Citazione
0 #2 Enrico Casagrande 2018-06-13 20:53
Usque tandem ...
Fin dalla sciagurata installazione abbiamo suggerito, purtroppo inascoltati, il SUO trasferimento in un sito meno “sensibile” .
Poi, per nobilitare la “quinta” più famosa di Frascati, siamo in molti ad avere proposte, pur senza avere una laurea in Architettura. Basterebbe aprirsi all’ascolto.
Citazione
0 #1 storico 2018-06-13 20:16
Un mio amico conosce "bellapalla"a Via Gregoriana ( di fronte al CONAD) che può fornire un frullino taglia metalli con operaio annesso. La spesa oscilla sui 170/ 200 euro. Il trasporto delle lettere in discarica è a parte, ma con 30 euro si può fare.
Da quanti architetti è composto il gruppo? C'è anche Calatrava e Fuksas?
Citazione

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna