I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata, Pratone e il nuovo cemento. “Non vogliamo rimanere prigionieri. Perché costruire ancora?”

GROTTAFERRATA (attualità) – Mentre si vocifera della nascita di un Comitato, i cittadini si interrogano

ilmamilio.it 

Decine di migliaia di metri cubi, la maggior parte dei quali previsti in una delle zone più in difficoltà - per mobilità, viabilità e servizi -  di Grottaferrata. Pratone è già un cantiere aperto. Mentre le forze politiche locali si sono chiuse a riccio in un atteggiamento poco comprensibile (eccezioni a parte), da parte dei residenti, cioè di chi vive sulla sua pelle il traffico o anche il disagio di vedere nuove ruspe in azione, qualche domanda si sta facendo strada in maniera più che legittima. Nella zona ci si vuole organizzare anche per far nascere un Comitato, nato specificatamente per fare argine a quella che viene definita senza mezzi termini una nuova ‘colata di cemento’ che "imprigionerà" i suoi abitanti.

In questa zona – secondo più di un cittadino – ci sono molti appartamenti invenduti. Per quale ragione costruire ancora? “Ricordo – segnala una cittadina - che ci sono ore della giornata in cui da queste parti si impiegano 40 minuti per fare un chilometro. Le pare normale? E’ questa la qualità della vita che si prospettano? Venti anni che abito qui, è sempre andata peggio. Ora poi si annunciano nuove abitazioni, ma qui ce ne sono di invendute. Che gioco è?”.  

Tra zone destinate ad area commerciale e residenziale, il timore dei cittadini più sensibili al problema è che tra qualche anno, senza strade adeguate e infrastrutture di livello, Pratone diventi un peso a margine della città. Nella periferia dove i residenti si lamentano anche per i ritardi di intervento su guasti elettrici o sulle condutture dell’acqua o per la manutenzione dei parchi, è emersa una nuova incombenza. Se è pur vero che l’area ha sempre avuto problemi di considerazione permanente da parte delle istituzioni locali, è altrettanto vero che con i nuovi insediamenti in atto la situazione potrebbe peggiorare.

petra nov2017 1
Clicca sull'immagine per scoprire Petra 2011

Più consumo di suolo, più macchine, più intensità abitativa. Una volta che tutte le lottizzazioni saranno ultimate, come sarà gestibile questo comparto della comunità? C’è anche chi sottolinea che le risorse idriche, da queste parti, spesso scarseggiano. Lo scorso anno, nel periodo estivo (e non solo nel 2017, anno di siccità), ci sono stati diversi disagi. Sapremo nelle prossime settimane se il ventilato ‘Comitato’ sarà veramente organizzato, oppure se si preferirà appoggiarsi all’azione di qualche consigliere comunale per 'attenzionare' ogni preoccupazione nelle sedi ufficiali. In quest’ultimo caso si ha però il timore di incanalare ogni eventuale rivendicazione dentro il terreno della politica e delle istituzioni, irrigidendo così una protesta che vorrebbe essere libera, sganciata dalle liste, dai partiti e dalle pressioni, ma sopratutto da un ambiente politico che qui viene visto come una sorta di oggetto inanimato. “Il disinteresse per quello che sta accadendo è trasversale”, ci dicono.

“Fino a venti anni fa per una cosa del genere sarebbero stati convocati i consigli comunali straordinari – ci dice Stefano, 40 anni, un residente – oggi tutto passa così. Ma anziché andare a mangiare alle iniziative, forse sarebbe bene che qualcuno ritornasse ad interessarsi realmente delle tematiche importanti della città”. C'è l'intenzione di mobilitarsi, ora. Ma chissà con quali capacità e quale influenza sull'opinione pubblica. Intanto i cartelli di 'lavori in corso' sono già qui. L'accumularsi di licenze, diritti acquisiti o delibere di applicazione degli strumenti urbanistici in base a normative nazionali è arrivato prima. Anche in questo caso la comunicazione, la partecipazione, la condivisione e la discussione delle tematiche urgenti sono state saltate a priori. 

Leggi anche: Grottaferrata, sui 90mila metri cubi di ‘Pratone’ tutto tace: c’è un ‘Partito della betoniera’?

Leggi anche: Grottaferrata, silenzio continuo (o quasi) su Urbanistica, edilizia a Pratone, viabilità e Prg. La fine del pensiero critico

Leggi anche: Grottaferrata, i tredici progetti edilizi che porteranno altri 90mila metri cubi sulla città


Commenti   

0 #4 metodoregionaleO 2018-06-14 15:31
metodo stanislavskij?
C'è una condizione paradossale e il nonsense (homo pOLITICUS) della tragica comicità ben rappresentata da Eugène Ionescu oppure il solito metodo " cialtronesco"?
Anche Fabrizio Giusti sa che dar " voce alle voci " è come dire che fino ad oggi, le centinaia di eletti e delegati, hanno S- governato senza "gloria e senza infamia", una contraddizione in termini " il metroCubo esistente "
Piuttosto che "battere un colpo" sul cemento, si farebbero devitalizzare non solo i denti....
Citazione
0 #3 èunaresponsabilità 2018-06-14 09:58
oggettiva O soggettiva?
Il maggior consumo del suolo e la maggior dispersione idrica, sono responsabilità del metodo "elettivo" regionale....è responsabilità oggettiva o soggettiva?
Un metodo trasversalmente cinico, da consentire a chiunque e qualunque EX, di essere parte attiva..mente senza storia, senza memoria, senza regole e senza responsabilità.... soggettiva!
Il pratone&grottaferrata sono tra le "utilità" promesse?
Citazione
0 #2 Angelo Nero 2018-06-13 16:30
Sarebbe bello vedere qualche consigliere di maggioranza prendere posizione A FAVORE dei cittadini, a partire dal ciclopedalista presidente della Commissione Urbanistica, dott. Alessandro Cocco.

Cosa pensa? Cosa ha capito di ciò che avverrà a Pratoni? Un dentista presidente della commissione urbanistica saprà prendere le decisioni migliori per Grottaferrata?

Le responsabilità in politica sono personali. Ecco, è ora di sapere se almeno ha compreso le sue.

Consigliere Cocco, batta un colpo.. e subito.. per favore!
Citazione
0 #1 politicipalindromici 2018-06-13 09:43
...che corrono all'indietro! Che agiscono all'inverso del buon senso, rovesciando le responsabilità.
un altro comitato :eek: :eek: :eek: ...
dove sono i reucci dei furbetti dei quartierini ?
gli pseudoambientalisti&capitaniCoraggiosi nei commenti ?
No! F.G. gli "eccezioni a parte" si sono dimostrati insussistenti nella inconsistenza. E quelli che li hanno votati hanno avuto e hanno ancora l'anello al naso,... oggi credono ai cinici!
Eppure qualche eletto " il cantiere....mai chiuso" lo ha avuto. Fatta la domanda e trovato gli eletti, perché nessuno si è fatto paladino coraggioso ?
Fatta la domanda e trovati i nomi e cognomi....fino al 4° grado, ecco perché i coraggiosi paladini non ci sono mai stati!
Ora evitiamo questi "nuovinsediamenti":
gli pseudo comitati "spontanei";
capi&capetti dall' EGO ipertrofico;
quillì che fanno questa pOLITICA da sempre;
e gli "INTERESSI" trasversali :zzz
Citazione