I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Per info e segnalazioni contattaci via mail a redazione@ilmamilio.it oppure su whatsapp al 3319188520

---

Marino, M5S e il vincolo suicida del secondo mandato elettivo: Colizza la prossima vittima?

MARINO (attualità) - Lo Statuto del movimento e i suoi paletti

ilmamilio.it 

L’ultima tornata amministrativa ha evidenziato una flessione, ampiamente annunciata già dai sondaggi, del Movimento 5 Stelle. L’aspetto preoccupante, tuttavia, non è esclusivamente il calo del gradimento che, in teoria, può essere anche fisiologico. Ciò che fa riflettere maggiormente è lo statuto del Movimento che, talvolta, penalizza e non poco i grillini anche in situazioni di vantaggio. Il caso più eclatante è quello di Pizzarotti a Parma, ma pure Pomezia non scherza. Nella popolosa città marittima i pentastellati avrebbero avuto tutte le carte in regola per vincere al primo turno forti di un’autorevole e affidabile amministrazione nel quinquennio appena trascorso. Così non è stato complici i dissidi interni con il sindaco uscente Fabio Fucci, ormai ex grillino, che si è ribellato alla regola tutta grillina del vincolo del secondo mandato elettivo.

L’attrito ha portato alla candidatura civica in solitaria di Fucci che ha penalizzato e non poco il M5S, comunque saldamente in testa al primo turno ma costretto ad un insidioso ballottaggio col centrodestra unito. Questo scenario, ipoteticamente ripetibile in diversi Comuni a guida gialla, ha aperto una fase di riflessione, ormai già avviata da tempo, sullo statuto grillino.

Un caso simile a Pomezia potrebbe verificarsi fra due anni e mezzo a Marino, dove il sindaco Carlo Colizza nonostante una guida salda e senza indugi della sua maggioranza di governo non potrà ripresentarsi in virtù della regola del secondo mandato elettivo. Il problema anche qui si pone e come, infatti, dietro al primo cittadino al momento un vero e proprio successore non c’è, complice anche l’elezione in consiglio regionale del giovane, rampante e assai accreditato Marco Cacciatore.

petra nov2017 1
Clicca sull'immagine per scoprire Petra 2011

Commenti   

0 #1 Ciro Assumma 2018-06-13 17:12
Sono cambiate tutte le originarie regole del M5S; state tranquilli, a tempo debito cambierà anche questa......Pizzarotti e Fucci, teste pensanti, potevano essere tranquillamente buttate a mare.....
Citazione

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna