I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Grottaferrata, impegno per la manutenzione stradale. Somme regionali per l’efficientamento energetico del Comune e della 'Falcone'

GROTTAFERRATA (politica) – Si lavora al problema della performance di riscossione coattiva, oggi troppo bassa

ilmamilio.it

La manutenzione delle strade, l’efficientamento energetico della Scuola Falcone e di Palazzo Consoli. Queste le maggiori novità emerse durante l’aggiornamento del piano delle opere pubbliche 2017-2019 nell’ultimo consiglio comunale. L’assessore ai Lavori Pubblici, Alfredo Annese, e quello al Bilancio, Addolorata Prisco, hanno delineato quelli che saranno i primi intendimenti della Giunta. Uno degli aspetti che più ha incuriosito l’assemblea, vista anche l’urgenza del problema, è stato quello della riqualificazione di alcune criticità riguardo le strutture viarie.

Le somme per gli interventi su strade e marciapiedi saranno possibili grazie - ha spiegato Prisco (nella sua relazione e nel suo modo di interfacciarsi con le minoranze è stata molto apprezzata per i modi e la disponibilità) – alla modifica della modalità di finanziamento, precedentemente individuata con la contrazione di un mutuo. La scelta di campo è stata invece quella di procedere con risorse proprie. “Questo perché – ha illustrato l’esponente della Giunta Andreotti - si è deciso di utilizzare la parte di avanzo che si è delineata con la chiusura del rendiconto del 2016, destinato già agli investimenti, per la manutenzione delle strade”. A supporto di questo aspetto, anche l’utilizzo di una parte dell’avanzo libero, sui cui l’amministrazione decide finalità e modalità di finanziamento delle opere. “La manutenzione stradale riveste un carattere prioritario per la collettività – ha aggiunto la Prisco – e così abbiamo avviato un progetto che prenderà il via immediatamente, non aggravando la collettività con la contrazione del mutuo”.

Gli altri interventi, senza aggravio per le casse comunali, saranno possibili grazie ai finanziamenti regionali: 351mila euro per efficienza energetica della scuola Falcone e l’altro, di 259mila euro, per la stessa causa su Palazzo Consoli.

Quanto al bilancio, non c’è nessun tipo di elemento che possa inficiare i suoi equilibri. Dalle minoranze, in particolare dal PD per voce del consigliere Fabrizio Mari, è emersa comunque la necessità di capire quanto il Comune possa migliorare le capacità di incassare le cifre da riscuotere. "Per essere più precisi - afferma Mari - le mie osservazioni hanno riguardato nell'ordine: la calendarizzazione delle opere nel DUP 2017-2019 non rispondente alla realtà perché secondo quello che ha votato la maggioranza dovrebbero essere tutti lavori già iniziati da alcuni mesi ma è evidente che non è così; la bassa performance sulla riscossione dei residui attivi; le variazioni di bilancio con la richiesta di spiegazioni circa alcuni e in particolare su una variazione che riguarda la diminuzione di fondi per la manutenzione e le infrastrutture stradali per 34mila euro".

“Se abbiamo bassa performance (oggi al 10% ndr) sui residui attivi – ha detto l’Assessore Prisco - siamo obbligati ad accantonare risorse della spesa corrente fino a quando non incassiamo. Consci di questa cosa, stiamo lavorando su varie tipologie di entrata, fase di predispoziione un appalto per la riscossione coattiva”. Il lavoro lasciato dal Commissario Prefettizio, Giacomo Barbato, ha comunque posto le basi per un orizzonte piuttosto delineato e su cui si potrà intervenire nel corso dei mesi. 

Rita Consoli, per “La città al governo”, ha chiesto di tradurre politicamente, in futuro, le operazioni di bilancio al fine di renderle più comprensibili non solo al consiglio ma anche alla cittadinanza tutta. La Dott. Prisco, ammettendo i vari tecnicismi, ha garantito che si cercheranno meccanismi di al fine di risolvere anche questo aspetto.

Commenti   

0 #1 #senzavergogna 2017-07-30 08:57
quando è stata capogruppo pd il bilancio se non lo capiva perché lo ha votato ? C'era un VERO esperto PD, poteva informarsi, invece l'avete fatto fuori.
Dopo il folle indebitamento 2005\10, i 3 anni 2010\13 sx + indecenti. Disavanzo di mln € accertati ma NON incassati grazie ai saccenti sx....al governo.
Chiusura della riscossione tributi esterna senza altra soluzione, sappiamo che dal 22% del 2010 siamo arrivati al 10% dell'incassato rispetto all'accertato, grazie ai saccenti SX...al governo e oggi nel MOV 5S
Un rendiconto fermo al 2013 con tutti presenti e con quelli sx al governo che non capivano il bilancio ma lo votavano lo stesso, come il nuovo del MOV 5 S in "contrasto" con l'agire del moV fino a ieri? lo ha capito o è mal consigliato dagli exsxierialgoverno che votavano il bilancio senza capirlo e oggi consigliano il neo MOV 5S a fare lo stesso. tutti uguali ?
La signora "maria" saprebbe cosa fare.
Citazione