I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

L'Asd Frascati gonfia il petto: Emanuele Cupellini al Frosinone

FRASCATI (calcio) - Il giovane, classe 2003, passa a titolo definitivo alla società gialloblu dove andrà a rinforzare il gruppo Under 15 Nazionale.

ilmamilio.it

L’Asd Frascati Calcio è orgogliosa di annunciare il trasferimento del giovane Emanuele Cupellini al Frosinone. Dopo 7 anni a Frascati l’attaccante classe 2003, reduce da una stagione clamorosa con la bellezza di 30 reti segnate tra le fila dei Giovanissimi Regionali di Leonardo Orlandi, passa a titolo definitivo alla società gialloblu dove andrà a rinforzare il gruppo Under 15 Nazionale. Una notizia che non può che far piacere a staff e dirigenza arancioamaranto, e che testimonia ancora una volta in maniera tangibile la cura che il sodalizio di via Conti di Tuscolo rivolge verso il proprio settore giovanile.

CUPELLINI - “Voglio ringraziare per primo il mister Leonardo (Orlandi, ndr)– dichiara Cupellini - perché se non ci fosse stato probabilmente non sarei arrivato dove sono ora: mi ha fatto capire tante cose, supportandomi e dandomi fiducia quando serviva, chiedendomi di più quando vedeva che avrei potuto compiere quell’ulteriore salto di qualità. Ringrazio il presidente Andrea Mari e tutti coloro che mi sono stati vicini in questo anno fantastico, soprattutto i ragazzi perché un gruppo come quello che c'è stato penso sia difficile da trovare. Porterò con me tanti ricordi bellissimi, a partire da quell'urlo nello spogliatoio, prima di ogni partita, che mi dava una carica assurda. In ultimo, ma sarebbe in cima alla lista, devo dire grazie alla mia famiglia, che continua a supportarmi e a sostenermi ad ogni mio passo. Adesso non vedo l’ora di iniziare la mia nuova avventura: ammetto che un pizzico di tensione c’è, ma è ancora di più la voglia di fare bene e continuare a crescere”.