I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e migliorano la tua esperienza di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetto presti il consenso all'uso dei cookie non solo tecnici, ma anche di profilazione e di terze parti. Per maggiori informazioni puoi comunque leggere l'informativa estesa.

Per info e segnalazioni contattaci via mail a redazione@ilmamilio.it oppure su whatsapp al 3319188520

---

Rocca di Papa, 18 maggio: Campegiani presenta il suo “Ribaltamenti” al Giardino Magico degli OrbiL

Rocca di Papa (attualità) - L'ultima opera dello scrittore nella cittadina castellana

ilmamilio.it - comunicato stampa

sfaccendati monteverdi

Venerdì 18 maggio, alle ore 21, presso il Giardino Magico degli OrbiL (Via Frascati 110/112 – Rocca di Papa), Franco Campegiani presenterà il suo ultimo libro “Ribaltamenti – Democrazia dell’Archè e assolutismi della Dea Ragione. Moderatrice e lettrice della serata sarà Aurora De Luca. Relatore Roberto De Luca. L’ingresso sarà libero. Del saggio filosofico “Ribaltamenti” ha parlato direttamente l’autore Franco Campegiani: «L'omologazione ci vuole tutti fabbricati con lo stampo: esseri non creativi, incapaci di pensare in originale, fotocopie l'uno dell'altro. E' la degna conclusione di una cultura millenaria fondata sulla tirannia e sulla codardia dell'essere umano. Sulla sua superbia, da un lato, e dall'altro sulla sua falsa umiltà: l'una in funzione dell'altra.

Clicca sull'immagine per scoprire Natura e architettura

“Ribaltamenti” vuole reagire a questa spocchia e a questo piagnucolio poco dignitosi, recuperando la saggezza e l'auto dominio degli avi, maestri di vera fierezza e di vera umiltà. Il loro motto era “Aiutati che Dio t'aiuta”: una forza d'animo non impostata sulla querula implorazione del divino, ma sull'impegno a porre direttamente in pratica il divino nella propria contingenza e precarietà. Al loro confronto, noi siamo degli zombie. Portiamo la morte sulla terra che loro invece facevano sorridere con sacrifici eroici ed amorevoli cure. L'uomo, a dispetto della sua pochezza, non dovrebbe mai sentirsi abbandonato dal divino, perché ha il divino con sé e non se ne dovrebbe dimenticare. Nei progetti edenici, egli è il custode del Giardino, anziché il suo despota, come è voluto diventare. Fondamentale, allora, ritrovare le vie dell'equilibrio e dell'amore, attraverso un severo processo autocritico che possa renderlo padrone di sé». 

habby lab1

 

Aggiungi commento

ilmamilio.it non si assume alcuna responsabilità sulla veridicità dei dati rilasciati dagli autori dei commenti nonchè delle informazioni riportate negli stessi.

Inoltre non sono ammessi insulti e volgarità per questo i commenti sono vagliati dalla Redazione


Codice di sicurezza
Aggiorna